Una manifestazione a sostegno di Taner Kilic
Una manifestazione a sostegno di Taner Kilic (keystone)

Turchia, capo di Amnesty libero

Ordinato il rilascio di Taner Kilic dopo otto mesi di detenzione preventiva

La giustizia turca ha ordinato mercoledì il rilascio del presidente locale di Amnesty International, Taner Kilic, in attesa del suo processo. L'attivista era stato arrestato a giugno per sospetti legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen, con l'accusa di affiliazione a un'organizzazione terroristica.

In particolare, Kilic è accusato di essersi servito di ByLock, una applicazione di messaggeria criptata che, secondo Ankara, è utilizzata proprio dai seguaci di Gulen. È rimasto in carcere per otto mesi.

Dopo il mancato golpe del 15 luglio 2016, le autorità hanno arrestato oltre 50'000 persone e ne hanno fatte licenziare o sospendere altre 150'000, tra militari, poliziotti, insegnanti e altri funzionari pubblici.

AFP/ANSA/eb

 

Condividi