Un gruppo di jihadisti ad Aleppo
Un gruppo di jihadisti ad Aleppo (KEYSTONE)

S'indaga sugli svizzeri partiti per la Siria

Il Ministero pubblico della Confederazione esamina i dossier su quei cittadini elvetici che hanno deciso di combattere con i jihadisti

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sta indagando su altri casi di svizzeri che sarebbero partiti per la Siria per combattere a fianco di jihadisti. La notizia è stata confermata oggi (giovedì), dopo che era stata anticipata dal quotidiano “Le Temps”.

Per ora non sono stati forniti i numeri degli incarti aperti. Il Servizio delle attività informative della Confederazione ha stimato che sarebbero circa quaranta i dossier aperti finora e che riguardano cittadini elvetici. Una quindicina avrebbero avuto per meta la Siria.

Contro il trentenne vallesano convertitosi all'Islam e recentemente rientrato dal paese mediorientale, dove si sarebbe unito a una formazione di jihadisti in guerra contro il regime del presidente Assad, è stato avviato un procedimento penale per sospetto sostegno o partecipazione a un'organizzazione terroristica. Intervistato dalla RTS, ha detto di essere stato "completamente indottrinato" e ha affermato di non aver combattuto.

Red. MM/ATS


Condividi