Il popolo che parla fischiando

Tra le lingue indigene riconosciute in Messico c'è il mazateco, un sistema di fischi che garantisce comunicazioni brevi e a breve distanza

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La lingua mazateca è una delle 68 lingue indigene ufficialmente riconosciute in Messico. Così come per molti altri popoli indigeni, per i Mazatechi la lingua non è solo un mezzo di comunicazione, ma rappresenta una parte essenziale della propria cosmovisione. Difende e tramanda gli usi, i costumi e l’identità di questo popolo.

 

La parte più fragile di questa lingua sono le comunicazioni fischiate. Le sonorità e le variazioni tonali di questo idioma hanno permesso lo sviluppo di un sistema di fischi, attraverso i quali le persone scambiano brevi comunicazioni a piccole distanze. Lo stile di vita agricolo, le montagne con valli e colline, sono l’ambiente che si presta, invece di gridare, a fischiare al proprio vicino o parente.

Attualmente sono circa 200'000 le persone che ancora usano questa lingua. Nonostante gli aiuti economici destinati agli anziani di etnia indigena, stanziati dall’attuale governo di Manuel Lopez Obrador, la regione di Huautla de Jimenez offre poche alternative economiche e i giovani preferiscono trasferirsi e cercare lavoro in città. Chi ancora utilizza la comunicazione fischiata sono soprattutto gli anziani e i bambini, che si divertono a fischiare tra di loro quando vanno nel bosco a cercare legna.

Samuel Bregolin

Condividi