Neve, situazione sempre grave

Vallese: valanga uccide pattugliatore. Isolamento finito per l'alta Surselva. Interrotta la vecchia linea del San Gottardo. Allarme anche nell'Alto Ticino

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La situazione sul fronte della neve e delle valanghe è sempre delicatissima nelle valli attorno al massiccio del San Gottardo. L’alta Surselva (da Sumvitg in su) però non è più isolata. Nel tardo pomeriggio di lunedì sono infatti state riaperte sia la strada cantonale sia la linea ferroviaria ed ora anche Disentis, Tujetsch e Medel sono nuovamente raggiungibili. Resta invece chiusa la strada del Passo del Lucomagno. Per ragioni di sicurezza non si circola neppure in Valle Bedretto (da Villa) ed è stata interrotta anche la circolazione dei treni sulla vecchia linea tra Erstfeld ed Airolo dove, probabilmente, il traffico non riprenderà prima delle 12 di martedì.

VS: valanga uccide pattugliatore

Una valanga staccatasi nei pressi del passo Portes du Soleil ha inoltre travolto stamane due pattugliatori delle piste degli impianti della Valle d'Illiez, nel Vallese occidentale: uno è rimasto ucciso, l'altro è riuscito a liberarsi da solo dalla neve e a chiamare i soccorsi. La vittima è un 24enne domiciliato nel Basso Vallese, riferisce un nota della polizia cantonale. I due stavano organizzando delle esplosioni per rendere più sicura la zona nel settore dei Crosets, sopra Champery.

La situazione delle strade grigionesi alle 17.00
La situazione delle strade grigionesi alle 17.00 (strassen.gr.ch)
 

Distacchi spontanei: pericolo forte

Dall'Oberland bernese all'Alta Engadina passando per il Titlis, il Tödi e il Piz Segnas il pericolo di distacchi spontanei è stato ridotto da "molto forte"a “forte". L'allerta di grado 4 è in vigore anche in Val Bedretto, la regione di Airolo, la zona del Lucomagno e tutte le Alpi retiche. L’Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos invita alla massima prudenza ritenuto che nelle ultime ore ha continua a nevicare e in quota ci sono zone in cui si è accumulato anche un metro di neve fresca.

 

Nei Grigioni la situazione è molto delicata in quasi tutto il cantone. Samnaun è isolata. L’Engadina è raggiungibile via strada solo da sud, o passando dal Maloja oppure dal Bernina, ma entrambi i passi sono abbondantemente innevati. Sono invece chiusi i passi del Giulia, dell'Albula e della Flüela. Pure interrotta la strada tra Brail e Susch quindi risulta impossibile anche l'accesso dalla Vereina. A Fideris un centinaio di persone è bloccato da domenica in una capanna alpina a 2’000 metri di quota. Non si sa quando potranno ridiscendere a valle. Un gruppo di scalatori è invece stato travolto da una valanga sulle Alpi della Platta. Due sono rimasti feriti.

L'ultimo aggiornamento sul fronte delle valanghe
L'ultimo aggiornamento sul fronte delle valanghe (sfl.ch)

Andermatt raggiungibile solo via treno

Nel canton Uri, è sbarrata la cantonale tra Hospental e Realp, nella Val d'Orsera (UR), dove domenica è scesa una valanga che ha parzialmente travolto quattro veicoli. Non si circola neppure tra Andermatt e Göschenen e tra Göschenen e Amsteg. Andermatt è quindi raggiungibile solo in treno da Göschenen.

Chiusa la strada tra Wassen e Göschenen
Chiusa la strada tra Wassen e Göschenen (keystone)

Nessuna possibilità di entrata ed uscita anche dall’alta Valle di Goms, in Vallese, dove i collegamenti sono interrotti a monte di Niederwald (risultano isolati i villaggi di Gluringen, Ultichen e Oberwald).

A Crans-Montana (VS) due sciatori fuori pista sono stati travolti da una valanga. Si sono liberati da soli e non hanno subito ferite. Uno dei due sciatori è stato ricoverato a Sion per accertamenti.

La strada cantonale tra Sumvitg e Disentis bloccata da una valanga alla pari della ferrovia
La strada cantonale tra Sumvitg e Disentis bloccata da una valanga alla pari della ferrovia (Keystone)

Nel canton Friburgo, nella valle dello Jaun, un gruppo di tre sciatori fuori pista ha provocato una slavina che ha travolto uno di loro. Una colonna di soccorso del CAS ha trovato il giovane, un 22enne, sotto tre metri di neve. È stato elitrasportato in ospedale ma la sua vita non è in pericolo.

In Vallese è inagibile anche l'arteria che porta nella Lötschental. Per questo motivo la stazione di carico del Lötschberg a Goppenstein non è raggiungibile. I treni navetta per automobili circolano eccezionalmente tra Briga e Kandersteg. Pure chiuse le stazioni di carico della Furka e dell'Oberalp.

Pericolo valanghe, strade chiuse a Bedretto

Pericolo valanghe, strade chiuse a Bedretto

Il Quotidiano di lunedì 14.01.2019

 

Sempre aggiornati su www.rsi.ch/traffico

Diem/ATS
Condividi