Un meccanismo di salvataggio per il settore elettrico (keystone)

Un paracadute per il settore elettrico

Il presidente del CdA di Axpo, Thomas Sieber, accoglie con favore l'idea del Consiglio federale di un meccanismo di salvataggio per il settore

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Axpo Thomas Sieber, accoglie con favore l'idea del Consiglio federale di un meccanismo di salvataggio per il settore elettrico svizzero. Tuttavia, questo dovrebbe essere aperto a tutte le società elettriche e non solo a una "cerchia arbitrariamente definita".

"Inoltre, non vogliamo dover aprire i nostri conti preventivamente, ma solo se dovessimo effettivamente ricorrere al paracadute d'emergenza", ha dichiarato Sieber in un'intervista rilasciata martedì al TagesAnzeiger. Il gruppo energetico argoviese non ha interesse a divulgare segreti commerciali ai suoi concorrenti, ha aggiunto. "La nostra richiesta è legittima". Per sviluppare l'energia solare, Sieber chiede procedure di approvazione più snelle e strumenti di promozione per garantire che i grandi progetti possano essere gestiti con profitto per decenni. Inoltre, sottolinea la mancanza di consenso su come bilanciare i progetti con la protezione della natura e del paesaggio. "Tutti devono scendere a compromessi, anche gli ambientalisti.

CKW, la filiale di Axpo, investirà fino a un miliardo di franchi in nuovi impianti fotovoltaici entro il 2030, sottolinea Sieber. Le centrali nucleari come quella di Beznau, invece, daranno "il tempo necessario per attuare la trasformazione del sistema energetico", aggiunge. Inoltre, l'attuale prezzo elevato dell'elettricità consentirà di gestirli in modo redditizio. Ha già permesso ad Axpo di migliorare i risultati del primo semestre 2021-2022, conclusosi a marzo. Il rendimento complessivo è passato da 2,9 miliardi nello stesso periodo del 2020-2021 a 6 miliardi.

Condividi