Berna: la conferenza stampa degli esperti dell'UFSP e di Swissmedic
Berna: la conferenza stampa degli esperti dell'UFSP e di Swissmedic (keystone)

Vaccinazioni già da dicembre

Omologato in Svizzera il preparato di Pfizer/BioNTech: dal 4 gennaio inizierà la somministrazione su scala più ampia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le prime dosi di vaccino saranno fornite alla Svizzera già nei prossimi giorni e già da fine dicembre si potrà iniziare a vaccinare in modo mirato le persone vulnerabili, poi, a partire dal 4 gennaio, si partirà in tutto il Paese con la somministrazione alle persone facenti parte dei cosiddetti gruppi a rischio (anziani e chi ha malattie preesistenti): lo ha comunicato sabato l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), dopo che Swissmedic ha dichiarato di aver concesso la prima omologazione per un vaccino anti-Covid-19, quello di Pfizer/BioNTech, che frutta la tecnologia basata sull’RNA messaggero.

 

Il vaccino, si legge in una nota dell’UFSP, è adatto per gli adulti a partire dai 16 anni; le prime dosi verranno prese in consegna dalla farmacia dell’esercito e successivamente distribuite ai cantoni. La prima fornitura comprende 100'000 dosi di vaccino, adatte a vaccinare 50'000 persone (la somministrazione per ogni paziente deve infatti avvenire in due fasi, a distanza di circa tre settimane), seguiranno altre forniture più voluminose. La Confederazione, ricorda l’UFSP, ha ordinato presso Pfizer/BioNTech circa 3 milioni di dosi. Contratti di fornitura sono pure stati siglati con Moderna e AstraZeneca.

La sfida logistica

La campagna vaccinale dovrà fare i conti anche con le sfide logistiche: il preparato appena omologato deve infatti essere conservato, dall’esercito, a una temperatura di -70 gradi; i cantoni potranno in seguito conservare il vaccino al massimo per 5 giorni a 2-8 gradi (in frigorifero).

Vaccino, le sfide logistiche

Vaccino, le sfide logistiche

TG 20 di martedì 01.12.2020

 

Prima i gruppi a rischio, poi il personale sanitario

Come detto, le prime ad essere vaccinate saranno le persone facenti parte di gruppi a rischio; il secondo target è composto da chi lavora in ambito sanitario, successivamente toccherà a chi vive con persone particolarmente a rischio. Come quarta priorità, ci saranno le persone residenti in strutture collettive con un elevato rischio di infezione e di focolaio (p. es. gli istituti per persone disabili) e il personale che vi lavora.

Tutte le altre persone adulte potranno farsi vaccinare non appena si disporrà di sufficienti dosi di vaccino. I bambini e le donne incinte non rientrano ancora tra i gruppi target della strategia di vaccinazione poiché mancano tuttora i dati degli studi per questi gruppi.

Nessun obbligo, ma lo si raccomanda

Il consigliere federale Alain Berset, in un videomessaggio diffuso via Twitter, ha ricordato che il vaccino sarà gratuito e soprattutto che non c’è nessun obbligo di farsi vaccinare, ma che è caldamente raccomandato.

 

Contratti per 15 milioni di dosi

La Confederazione ha finora concluso contratti per ottenere 15 milioni di dosi di vaccino: oltre che con Pfizer/BioNTech per 3 milioni di dosi, anche con Moderna per 4,5 milioni e con AstraZeneca per fino a 5,3 milioni. Per i vaccini di Moderna e AstraZeneca è in corso la procedura di omologazione presso Swissmedic. Il vaccino di AstraZeneca sarà disponibile probabilmente non prima di metà anno. La Svizzera partecipa inoltre all’iniziativa internazionale COVAX, volta a permettere l’accesso ai vaccini anche ai Paesi economicamente più deboli.

Vaccino: quello che c'è da sapere

Sicurezza, efficacia e sviluppo in tempi record: abbiamo interpellato tre esperti per fare il punto sui preparati che sfruttano la tecnologia basata sull'mRNA. L'approfondimento.

Il vaccino sta arrivando

Il vaccino sta arrivando

Il Quotidiano di martedì 08.12.2020

Omologato il primo vaccino in Svizzera

Omologato il primo vaccino in Svizzera

Il Quotidiano di sabato 19.12.2020

La Svizzera ha un vaccino

La Svizzera ha un vaccino

TG 20 di sabato 19.12.2020

 
Come funziona il vaccino

Come funziona il vaccino

TG 20 di sabato 19.12.2020

 
ludoC
Condividi