La casa da gioco verso la riapertura (Ti-Press)

"Basta mono-economia a Campione"

Il sindaco Roberto Canesi: "Dovrà esserci anche uno sviluppo turistico e ricettivo". Il Casinò assumerà 174 persone, poi se andrà bene un altro centinaio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Campione d'Italia vede la luce in fondo al tunnel: il Casinò, chiuso da ormai quasi tre anni, potrà riaprire e punta a farlo già entro fine anno.

Il Tribunale di Como ieri ha approvato il progetto di rilancio della casa da gioco. La società che la gestisce ha fornito le prime indicazioni, prospettando anche delle riassunzioni, ma con un numero di dipendenti fortemente ridimensionato. Non sarà quindi un mero ritorno al passato.

"La riapertura costituirà un completo ridimensionamento: non ci sarà più una dipendenza finanziaria totale del Comune. E dovrà esserci anche uno sviluppo turistico e ricettivo a Campione in modo a non avere una mono-economia ed una dipendenza", ci dice il sindaco Roberto Canesi.

"Il Casinò porterà occupazione e lavoro: la società partirà con 174 dipendenti e si spera in un anno o due, se andrà bene, di poter assumere un altro centinaio di persone", conclude Canesi.

Intanto sono cadute al Tribunale di Como le accuse nei confronti di 17 amministratori indagati nel caso riguardante il fallimento del Casinò.

Il casinò di Campione potrà riaprire

Il casinò di Campione potrà riaprire

Il Quotidiano di giovedì 17.06.2021

 
CSI/joe.p.
Condividi