In cerca di nuove soluzioni (Ti-Press)

"C'è margine di manovra"

Secondo Maurizio Merlo la legge sul cabotaggio andrebbe rivista sulla base di quanto si faceva in Italia quando era a capo di Darwin

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il futuro dell'aeroporto di Lugano potrebbe dipendere da due parole: "di regola". Secondo la legge federale sulla navigazione aerea, "il trasporto professionale di persone o di merci per via aerea tra due punti del territorio svizzero è riservato, di regola, alle imprese svizzere" (Art. 32, cabotaggio). Ed è proprio sul quel "di regola" che si accendono le speranze di Marco Borradori: "Diciamo che apre delle prospettive e lascia un soffio di speranza che cercheremo di far passare al Consiglio federale".

Maurizio Merlo spera di poter ottenere un'eccezione alla norma generale: "Questa legge è stata fatta per proteggere le compagnie svizzere da quelle estere sul territorio elvetico, ma dal momento che nessuna di quelle elvetiche è interessata alla tratta Lugano-Ginevra, questa teoria sembra cadere".

Il direttore dello scalo, visto che di compagnie straniere interessate ce ne sarebbero, vorrebbe trovare una soluzione simile a quella praticata in Italia quando era a capo della ticinese Darwin: "Ci venne chiesto di operare sulla tratta Bolzano-Roma e Trapani-Roma e ottenemmo una deroga perché non c'era nessuno interessato a quei collegamenti". Un'ipotesi, questa, che il portavoce dell'ufficio federale dell'aviazione civile Antonello Laveglia, non valuta percorribile: "La legislazione svizzera non prevede questa operazione".

Chiarimenti sullo scalo di Lugano-Agno

Chiarimenti sullo scalo di Lugano-Agno

Il Quotidiano di martedì 10.09.2019

 
FD/CSI
Condividi