Il Molino a Lugano (tipress)

"Con il Municipio non parliamo"

L'assemblea del Centro sociale autogestito del Molino prende posizione dopo che la Città ha concesso altri 10 giorni per lasciare l'ex Macello

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Pensare di risedersi oggi a un tavolo con l’attuale Municipio, risulta per noi semplicemente impraticabile": l'assemblea del Centro sociale autogestito del Molino risponde così alla proroga di 10 giorni concessa  mercoledì dalla Città di Lugano per lo sgombero dell'ex Macello lungo il Cassarate, in un comunicato in cui critica apertamente tanto il sindaco Marco Borradori quanto il municipale uscente Michele Bertini.

Ancora dieci giorni per gli autogestiti

Ancora dieci giorni per gli autogestiti

Il Quotidiano di mercoledì 14.04.2021

 

La disdetta ricevuta viene definita "illegale e modellata a seconda della situazione" e si denuncia che "la stessa "violenza”, sulla quale si costruisce la narrazione dello sgombero, rispetto a due situazioni (una convocata dal Molino, l’altra no), nelle quali, in realtà, è successo poco o niente, è assai emblematica". "A ben vedere parliamo di “normali” bagatelle e tensioni di mondi diversi che in qualsiasi città del mondo avvengono quasi settimanalmente", sostiene la lunga nota, "di cui nessuno si stupisce più troppo e soprattutto ci costruisce sopra un’intera campagna elettorale".

Il CSOA dice tuttavia di rinunciare a un ricorso giuridico, preferendone uno "politico, sociale e culturale". Un appello alla solidarietà.

Il Molino continua l'opposizione

Il Molino continua l'opposizione

Il Quotidiano di giovedì 15.04.2021

 
pon
Condividi