Maggiori attacchi legati alla cybercriminalità economica
Maggiori attacchi legati alla cybercriminalità economica (Keystone)

Crescono gli attacchi informatici in Ticino

Hackers concentrati soprattutto sulla cybercriminalità economica - Giornate nazionali della cybersicurezza a Friborgo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In Ticino si è registrato un aumento dei rischi legati alla sicurezza informatica nella sfera pubblica e privata. Con la crescente digitalizzazione della società e dell’economia, sono aumentati anche i cyber attacchi nel 2020 e nel 2021, lo evince una nota della polizia cantonale.

Per la prima volta in Svizzera la statistica federale fornisce dei dati nazionali e cantonali. Nel 2021 in Ticino si sono registrati 338 reati, la maggior parte legati alla cybercriminalità economica (160 nel 2020 e 255 nel 2021), ai cyberdelitti sessuali e quelli della reputazione.

Le attività illecite più frequenti restano le truffe Business Email Compromise (BEC), ovvero l’accesso illecito a una casella di posta elettronica e la conseguente scoperta di una relazione finanziaria. Seguono le attività denominate ransomware che riguardano attacchi veicolati allo scopo di criptare i dati contenuti nei dispositivi, così da poter chiedere un riscatto in cambio della chiave di decifratura. Gli autori operano prevalentemente dall’estero, utilizzando complessi espedienti che facilitano il mantenimento dell’anonimato e incassano in cripto-valute.

Proprio in relazione alla crescente cyber criminalità, oggi, mercoledì, e domani, giovedì, si terranno a Friborgo due giornate nazionali dedicate alla sicurezza informatica, Swiss Cyber Security Days, alle quali parteciperanno anche i Consiglieri federali Ueli Maurer e Viola Amherd.

L’evento offre l’occasione per fare il punto sulla politica di sicurezza nazionale, su come sono cambiate le necessità della società e su quali possono essere i prossimi passi per consolidare e ampliare il ruolo della Svizzera sulla tematica cyber.

Per prevenire qualsiasi rischio, la popolazione ha la possibilità di consultare i siti della Polizia cantonale, del gruppo cantonale Cyber Sicuro e della Prevenzione svizzera della criminalità (PSC). Per quanto riguarda invece le segnalazioni è attivo il Centro nazionale per la cibersicurezza (NCSC).

 
Cca
Condividi