20 gradi negli uffici e nelle scuole, 14-16 gradi in palestre e sale fitness, temperatura dell’acqua delle piscine a 28 gradi e 22 gradi negli spogliatoi
20 gradi negli uffici e nelle scuole, 14-16 gradi in palestre e sale fitness, temperatura dell’acqua delle piscine a 28 gradi e 22 gradi negli spogliatoi (archivio TI-Press)

Energia, negli uffici cantonali si risparmia

Approvata una seconda serie di misure per gli edifici pubblici – Riscaldamenti accesi solo dal 31 ottobre, temperature al minimo ammesso e niente acqua calda nei bagni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un’eventuale penuria energetica durante periodo autunnale e invernale continua a preoccupare, tanto che il governo ticinese ha deciso oggi (mercoledì) alcune misure di risparmio energetico supplementari, dopo quelle decise in settembre.

È previsto in particolare di posticipare al 31 ottobre 2022 l’accensione degli impianti di riscaldamento negli edifici dell’Amministrazione cantonale e di sospendere l’erogazione di acqua calda sanitaria nei servizi igienici.

Inoltre, al momento dell’accensione dei riscaldamenti, la temperatura nei locali durante gli orari di servizio “sarà adattata al minimo previsto dalle indicazioni della SECO relative all’ordinanza 3 sul lavoro, dalle raccomandazioni della Conferenza dei direttori cantonali dell’energia, dalle norme e dalle raccomandazioni dell’Ufficio federale dello sport relative agli impianti sportivi” si legge in una nota.

In “soldoni” significa 20 gradi negli uffici e nelle scuole, 14-16 gradi nelle palestre e nelle sale fitness, la temperatura dell’acqua delle piscine a 28 gradi e 22 gradi negli spogliatoi.  L’applicazione delle misure sarà affidata alla sezione della Logistica.

L'invito al risparmio e i riferimenti utili

Il Consiglio di Stato ticinese rinnova infine l’invito rivolto a popolazione, aziende, istituzioni e enti di aderire alle misure di risparmio energetico. Raccomandazioni e consigli sono pubblicati sulla pagina web della Confederazione o chiamando l’hotline federale allo 0800 005 005. L’invito è anche a consultare la pagina cantonale di riferimento, costantemente aggiornata.

 
dielle
Condividi