Gran Consiglio ticinese al lavoro (©Ti-Press)

Gran Consiglio, nomine con polemica

Sanvido e Bersani nel CdA dell'EOC solo alla seconda votazione - Parlamento più trasparente, pubblici in futuro gli importi percepiti da partiti e deputati ticinesi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La seduta del Gran Consiglio ticinese di lunedì è stata caratterizzata anche dalle nomine, con polemica, nei consigli di amministrazione di Ente ospedaliero e di Azienda cantonale dei rifiuti. Al primo turno di votazione in aula non sono stati eletti né il presidente uscente dell'EOC Paolo Sanvido in quota Lega, né Andrea Bersani, indicato come successore di Edy Dell'Ambrogio per il PLR. Entrambi sono comunque stati eletti al secondo turno, anche se con risultati non brillanti, per effetto delle numerose schede bianche.

Per quanto riguarda l'Azienda cantonale dei rifiuti, sono stati nominati quattro quinti del CdA. L'ultimo nome, rimasto in sospeso, è quello di  Ivan Pau Lessi. Il suo caso è congelato nell'attesa degli sviluppi della vicenda dell'ex funzionario condannato per coazione sessuale, del quale era il superiore.

Il Legislativo ha approvato lunedì anche l’iniziativa sulla trasparenza, con la quale è stato deciso di pubblicare l'importo dei soldi percepiti da partiti e deputati per la loro attività.

Dare seguito alla proposta, presentata da Matteo Pronzini nel 2017, è un compito che toccherà all’Ufficio presidenziale del Parlamento, che sarà chiamato a rendere noto annualmente un resoconto finanziario nel quale verranno elencate le indennità percepite.

Nomine EOC, rinnovo con sorpresa

Nomine EOC, rinnovo con sorpresa

Il Quotidiano di lunedì 14.10.2019

 
CSI/Quot/bin/pon
Condividi