I consiglieri di Stato godendo della natura prima di tornare in ufficio (Repubblica e Cantone Ticino)

Le priorità del Governo

Tra i temi: la riforma fiscale, la pianificazione ospedaliera e la riforma Ticino 2020

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La gita del Consiglio di Stato ticinese nel Sopraceneri è stata un piacevole momento conviviale, ma sicuramente anche un'occasione di discussione informale sulle sfide che attendono il Governo e i singoli dipartimenti da domani, mercoledì, quando è prevista la prima riunione a Palazzo delle Orsoline.

La RSI ha colto l'occasione per chiedere ai consiglieri di Stato le loro priorità per il nuovo anno politico:

Christian Vitta, direttore del Dipartimento Finanze ed Economia

"Sono molti i cantieri aperti, ci terrei su tutti. Due esempi: il tema del mercato del lavoro e la riforma fiscale".

Manuele Bertoli, direttore del Dipartimento Educazione, Cultura e Sport

Legandosi alla riforma fiscale , ha precisato che è uno dei primi dossier che il Governo tratterà con il rientro dopo la pausa estiva "l'abbiamo già un po' esplicitata nell'accordo che abbiamo trovato a luglio, in cui presenteremo un messaggio che riguarda migliori condizioni di insegnamento e di apprendimento nella scuola dell'obbligo. Il messaggio è quasi pronto quindi spero che settimana prossima il Governo potrà accoglierlo".

Raffaele De Rosa, direttore del Dipartimento Sanità e Socialità

"Priorità ce ne sono molte: la pianificazione ospedaliera da ricostruire, la pianificazione anziani 2030, il pacchetto sociale con delle misure sui sussidi di cassa malati rispettivamente gli assegni famigliari e gli assegni prima infanzia"

Norman Gobbi, direttore del Dipartimento delle Istituzioni

"Sicuramente abbiamo molte priorità quella del piano cantonale delle aggregazioni, ma soprattutto Ticino 2020 è quello che più ci occuperà visto che si tratta della riforma interna del canton Ticino".

Claudio Zali, direttore del Dipartimento del Territorio

"Per il quadriennio, non solo per quest'anno, l'obiettivo è quello di andare avanti con grandi progetti infrastrutturali e quindi non nell'ordine d'importanza, ma in ordine sparso: il collegamento veloce Bellinzona-Locarno, che è un po' tema caldo di queste settimane, ma anche tram-treno e al circonvallazione Agno-Bioggio".

 

Ci saranno alcuni dossier che non mancheranno di far discutere anche in Parlamento, ed eventualmente alle urne. In particolare, il pacchetto fiscale bis e quello sul salario minimo.

CSI/Nad
Condividi