Un cassonetto dei rifiuti a Lugano
Un cassonetto dei rifiuti a Lugano

Lega contro la tassa rifiuti

Praticamente scontato il lancio della raccolta delle firme contro il progetto del direttore del Territorio Claudio Zali

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Tassa cantonale sui rifiuti: oramai praticamente scontato il referendum. La Lega, giovedì sera, infatti, avrebbe deciso, malgrado l’opposizione di alcuni suoi esponenti di spicco, tra cui il sindaco di Lugano Marco Borradori, di procedere con la raccolta delle firme, gliene servono 7'000, per contrastare la decisione presa martedì dal Gran Consiglio ticinese (vedi correlati).

La volontà di osteggiare il progetto del consigliere di Stato leghista Claudio Zali, era stata espressa dal coordinatore del movimento di via Monte Boglia Attilio Bignasca, pochi minuti dopo che il Gran Consiglio aveva dato il suo appoggio al progetto del direttore del Territorio.

La volontà di Bignasca, pur in disaccordo con uno dei suoi consiglieri di Stato, è di consentire alla gente di esprimersi su una tassa che alla Lega è sempre stata indigesta. I promotori della raccolta firme possono già contare sull’appoggio del Gruppo leghista  in Consiglio comunale a Lugano e, seppur senza un ruolo attivo, di parecchi esponenti del PPD che ritiene il balzello antisociale.

Swing

Condividi