Nubi all'orizzonte (©Ti-Press)

Mikron verso il lavoro ridotto

L’azienda ha inoltrato alle autorità cantonali ticinesi la domanda, a causa del forte calo degli ordinativi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il calo importante degli ordinativi soprattutto nel comparto automobilistico ha indotto la Mikron di Agno ad inoltrare alle autorità cantonali ticinesi la domanda per introdurre il lavoro ridotto.

La conferma della richiesta è giunta alla RSI mercoledì dai vertici dell’azienda, che non hanno voluto fornire cifre e neppure il numero dei dipendenti che dovrebbero essere interessati. Il provvedimento entrerebbe in vigore già da novembre e i sindacati temono che potrebbe colpire tra il 20 e il 30% dei dipendenti.

Le prospettive per i prossimi mesi non sono positive e il timore delle parti sociali è che possano essere adottate misure anche più drastiche, come la soppressione di posti di lavoro. La società già in passato era ricorsa a questo strumento: nel 2017 la misura interessò circa 180 dei suoi oltre 300 lavoratori.

La Mikron chiede il lavoro ridotto

La Mikron chiede il lavoro ridotto

Il Quotidiano di mercoledì 23.10.2019

 
CSI/bin
Condividi