Edizione annullata (tipress)

Non si farà Espoprofessioni

Le autorità ticinesi precisano le condizioni per la tenuta di manifestazioni, alla luce della decisione federale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'edizione 2020 di Espoprofessioni, che doveva tenersi dal dal 9 al 14 marzo a Lugano, non avrà luogo. È questa la (prevedibile) novità contenuta nell'aggiornamento sulla situazione legata al coronavirus in Ticino, diffusa alle 19.00 dalle autorità cantonali. Come noto, non è stato segnalato nessun nuovo caso, mentre il paziente che era ricoverato alla clinica Moncucco è stato dimesso.

Alla luce anche delle decisioni prese a livello federale, le manifestazioni di carnevale restano vietate come quelle con più di 1’000 persone, mentre vige l'obbligo di notifica all'indirizzo per quelle pubbliche o private con meno di 1’000 presenti ma partecipazione internazionale.

Si conferma quanto annunciato nei giorni scorsi per quanto riguarda le scuole, che riapriranno lunedì come previsto. I genitori sono invitati a tenere a casa i bambini con sintomi come febbre, raffreddore o tosse. Una direttiva in proposito sarà trasmessa ai direttori degli istituti. Infine, il Governo ricorda inoltre alle aziende che già oggi è possibile, a determinate condizioni, ricorrere allo strumento del lavoro ridotto, che mira a far fronte a improvvisi cali di attività mantenendo i posti di lavoro.

Per saperne di più:

I dettagli nel comunicato

Condividi