"Pronti a collaborare"

Municipio di Lugano e LAC chiedono un incontro con Daniele Finzi Pasca per stabilire come continuare a lavorare insieme

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Siamo pronti ad andare incontro a gran parte delle richieste di Daniele Finzi Pasca, alcuni precisi paletti sono però imprescindibili". Il Municipio di Lugano e i vertici del LAC hanno stabilito oggi, giovedì, come rispondere alle condizioni poste dal regista per continuare anche in futuro la collaborazione con il centro culturale.

Per Città e Ente autonomo la frattura creatasi fra Daniele Finzi Pasca e LAC qualche mese fa, anche a causa di un botta e risposta a mezzo stampa dai toni a dir poco accesi, è infatti risanabile. Il presidente del Consiglio direttivo del centro culturale, Roberto Badaracco, precisa: le richieste della compagnia artistica sono state analizzate nel dettaglio, valutando la fattibilità da un punto di vista finanziario e organizzativo.

“La volontà di collaborare su tutti i punti richiesti c’è, ma è chiaro che a livello strutturale alcune richieste di Daniele Finzi Pasca potrebbero modificare il funzionamento del centro culturale, quindi saranno molto difficili da realizzare; andremo da lui dicendo: questa è la nostra massima collaborazione ma non potremo dire di sì a tutto”, spiega Badaracco ai nostri microfoni.

Concretamente: c'è la volontà di promuovere maggiormente la compagnia - come chiedeva il regista - così come di aumentare le giornate a disposizione per le prove nella sala teatro, soprattutto in estate. Si cerca poi una sala alternativa (l'ipotesi più concreta è quella ex centrale AIL Gemmo) quando il LAC è occupato dalle stagioni musicali e teatrali.

Difficilmente invece sarà possibile garantire a Finzi Pasca una totale autonomia da Lugano In Scena: anche questa una richiesta del regista.

Da definire resta poi l'ubicazione dell'ufficio di rappresentanza della compagnia residente. Finzi Pasca lo vuole al LAC, la città lo propone nelle immediate vicinanze, senza però escludere totalmente l'opzione interna. Bisognerà ora discuterne con la Compagnia. Città e Ente autonomo - sottolinea il sindaco di Lugano Marco Borradori - sono aperti a trovare soluzioni: “Non vogliamo mettere dei paletti per chiudere le porte, ma perché sono ritenuti giustificati, con l’obbiettivo però di trovare una soluzione e continuare la collaborazione. Ho però l’impressione che si possa parlarsi e dialogare in un’atmosfera molto più favorevole rispetto a qualche mese fa”.

L'invito a Daniele Finzi Pasca è quindi a un incontro il prima possibile, dal quale, sperano città e LAC, ripartire insieme.

Finzi Pasca, il municipio risponde

Finzi Pasca, il municipio risponde

Il Quotidiano di giovedì 10.01.2019

 
CSI-AP/ludoC
Condividi