Postate immagini su Facebook, ma lui nega il coinvolgimento
Postate immagini su Facebook, ma lui nega il coinvolgimento (keystone)

Propaganda per l’IS

È l’accusa mossa al cittadino turco indagato dalla procura federale - Lui nega qualsiasi legame con il terrorismo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Avrebbe fatto propaganda a favore del sedicente Stato islamico (IS) il cittadino turco finito nelle maglie della procura federale, e rimasto (a differenza dell’altro indagato) a piede libero. L’uomo – si è appreso oggi, lunedì - ha postato su Facebook dei video legati alla guerra in Siria. Immagini particolarmente cruente, che mostrano le torture inflitte a dei prigionieri. Lui ammette i fatti, ma nega di avere agito a scopo propagandistico; così come nega qualsiasi rapporto con il sedicente stato islamico.

Di tutt’altro avviso la procura federale, che sta cercando di ricostruire i suoi rapporti con le varie figure coinvolte a cavallo tra il Ticino e l’Italia. Su tutti il 32enne svizzero-turco cresciuto a Molino Nuovo, tuttora in carcere (il giovane, che lavorava alla Argo 1 di Cadenazzo, è sospettato di avere reclutato dei militanti).

Il turco ha confermato di conoscerlo. Sostiene invece di non avere mai avuto alcun legame con il kickboxer Abderrahim Moutaharrik e le altre persone condannate in febbraio, per terrorismo internazionale, dal Tribunale di Milano. 

Francesco Lepori

Dal quotidiano:

Aggiornamenti inchiesta ISIS

Aggiornamenti inchiesta ISIS

Il Quotidiano di lunedì 06.03.2017

Condividi