Sfruttate dai “protettori”

Arrestata una coppia di rumeni - Avrebbero approfittato di tre prostitute, che facevano lavorare a Locarno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una coppia di rumeni è stata arrestata, mercoledì, nell’ambito di un’inchiesta antiprostituzione. Secondo gli inquirenti l’uomo e la compagna avrebbero sfruttato tre cittadine straniere, che ricevevano i loro clienti in un appartamento di Locarno.

Le donne sarebbero state costrette a consegnare buona parte dei guadagni. Si parla addirittura del 50% delle somme incassate. Di qui le accuse di promovimento della prostituzione, tratta di esseri umani e usura.

I due (residenti nel Bellinzonese) respingono però ogni addebito. Lui si chiama completamente fuori. Lei le definisce semplici colleghe, sulle quali non esercitava – sostiene – alcun tipo di controllo.

Il sostituto procuratore generale Nicola Respini ha chiesto tre mesi di carcerazione preventiva, evocando i pericoli di fuga e di inquinamento delle prove. Il giudice dei provvedimenti coercitivi si esprimerà a breve.

L’inchiesta vede coinvolte altre cinque persone, rimaste a piede libero. Sono state sentite come imputate, ma non si esclude che la loro posizione possa alleggerirsi con l’evolversi delle indagini.

Arresti per prostituzione

Arresti per prostituzione

Il Quotidiano di venerdì 27.11.2020

 
Francesco Lepori
Condividi