In quest'immagine d'archivio il commissario capo Georges Locatelli (©Tipress)

Tratta, "si può sempre migliorare"

Georges Locatelli della TESEU sul rapporto che chiede di migliorare la protezione delle vittime di traffico di esseri umani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"In tutti i casi c’è sicuramente un margine di miglioramento". Pungolato dalla RSI Georges Locatelli, commissario capo della polizia cantonale responsabile della sezione TESEU, risponde così alle critiche mosse dal Rapporto Greta e dalle ONG presenti sul territorio, secondo i quali in Ticino è problematica l’identificazione delle vittime di tratta perché sul territorio non è presente un sistema organizzato e coordinato.

"In Ticino i vari enti non sono coordinati per il lavoro sul terreno. Si riuniscono però saltuariamente per scambiarsi le informazioni e la polizia è attiva sul territorio. Abbiamo dei contatti con le persone a rischio e questo non solo per gli ambiti di nostra competenza, ma anche per capire come stanno le persone", sottolinea Georges Locatelli.

Ma è sufficiente la tutela delle vittime di tratta? "Da parte nostra sicuramente – risponde il responsabile della Sezione tratta e sfruttamento esseri umani – perché in tutte le situazioni in cui abbiamo dei sospetti diamo la possibilità di rivolgersi a degli specialisti. È vero che c'è chi potrebbe avere paura a rivolgersi a noi, perché, in certi paesi, la polizia è chi punisce. Per questo abbiamo però degli strumenti per aiutare: possiamo infatti sospendere i nostri accertamenti per permettere alla vittima di rivolgersi al delegato competente o alle ONG".

Ascolta l'intervista integrale nel file audio allegato

CSI/SP
Condividi