Ondata di caldo? Nei prossimi giorni non sono attesi cambiamenti di rilievo. (Tipress)

Tutta la Svizzera nella morsa del caldo

Allerta estesa all'altopiano: l'estate 2022 sarà probabilmente la seconda più calda dall'inizio delle misurazioni. Il meteorologo Gaia: "Dovremo farci l'abitudine"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La canicola non molla la presa. Anzi, ora interessa tutte le regioni elvetiche a bassa quota. Lunedì MeteoSvizzera ha infatti esteso l'allerta di livello 3 anche alla Svizzera romanda e al Vallese (valida da oggi alle 12 fino a venerdì) e all'Altopiano (da martedì alle 12 fino a venerdì alle 20).

"Ci troviamo in una situazione molto stabile caratterizzata da due elementi - spiega Marco Gaia di MeteoSvizzera ai microfoni della RSI - il primo è un'alta pressione estremamente vasta che dall'Atlantico copre tutta l'Europa e crea le condizioni affinché non si formino nuvole. Il sole può così splendere per l'intera giornata e riscaldare bene l'atmosfera. La seconda è una depressione al largo del Portogallo, che mantiene da diversi giorni un afflusso di aria molto calda che si trovava inizialmente sopra il Marocco".

Un'altra settimana di canicola

Ma quanto durerà? Secondo i dati a disposizione del servizio meteorologico, al sud delle Alpi bisognerà fare i conti con l'ondata di caldo almeno fino a venerdì e molto probabilmente anche durante il weekend. "Sul versante nord delle Alpi, la situazione potrebbe terminare un attimo prima" spiega ancora Gaia.

La seconda estate più calda di sempre

Quella del 2022 sarà probabilmente la seconda estate più calda di sempre (ossia dall'inizio delle misurazioni ufficiali nel 1864). Al primo posto resterà ancora quella del 2003, sottolinea il meteorologo, aggiungendo: "Non dimentichiamo che le ultime estati (2015, 2017, 2018 e 2019) sono tra le cinque più calde".

"Sarà la nuova normalità"

Tali condizioni meteo saranno la nuova normalità. "Dobbiamo sicuramente abituarci - osserva Gaia - a convivere con un'atmosfera sempre più calda a seguito dei cambiamenti climatici che ora iniziano veramente a manifestarsi". E non è detto che la situazione si stia stabilizzando. Anzi: "È molto probabile che durante le prossime estati saremo confrontati con periodi ancora più caldi".

Le previsioni per i prossimi giorni

A sud delle Alpi nei prossimi giorni - secondo le previsioni di MeteoSvizzera - non sono attesi cambiamenti di rilievo. Le temperature minime notturne rimarranno comprese fra 18-19 gradi nelle zone di pianura e sui fondivalle e fra 22-23 gradi in quelle collinari e urbane, mentre le massime pomeridiane toccheranno valori fra 33 e 35 gradi.

A nord delle Alpi le temperature saliranno prima nelle regioni occidentali e nord-occidentali lunedì, poi anche nel resto della Svizzera tedesca martedì.

 

RG/Pa.St.
Condividi