19 chili non sono un primato (foto archivio keystone)

"Un sequestro importante"

Diciannove chili di cocaina a San Pietro di Stabio: erano in 17 confezioni. Uno dei corrieri è residente nel Varesotto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sono un 33enne residente nel Varesotto e una 22enne residente in Albania i due cittadini albanesi fermati martedì mattina verso le 5.10 al valico di San Pietro di Stabio con 19 chili di cocaina. La coppia, precisa un comunicato diffuso nella tarda mattinata di mercoledì, era in uscita verso l'Italia a bordo di una vettura con targhe tedesche.

"Si trattava di un controllo casuale delle guardie di confine", ha spiegato ai nostri microfoni la portavoce dell'Amministrazione federale delle dogane Nadia Passalacqua. È stato poi richiesto l'intervento dell'unità cinofila e del gruppo specialisti visite. La perquisizione del veicolo ha quindi permesso di rinvenire la droga, confezionata in 17 sacchetti nascosti in un ricettacolo. "Si tratta di un rinvenimento importante", conferma Passalacqua, anche se non di un primato: nel 2015  c'era stato nel medesimo luogo un sequestro di 27 chili di cocaina. In tutto il 2018, a titolo di paragone, in tutto il Ticino sono stati confiscati 4,5 chili.

Entrambi gli occupanti della vettura sono ora in arresto. L'ipotesi di reato è quella di infrazione aggravata alla legge sugli stupefacenti. L'inchiesta è coordinata dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier.

Nel video il nostro approfondimento sulle rotte della cocaina.

Il corridoio della cocaina

Il corridoio della cocaina

di Ludovico Camposampiero e Fabio Salmina

Stabio, maxi sequestro di cocaina

Stabio, maxi sequestro di cocaina

TG 12:30 di mercoledì 24.04.2019

 
CSI/pon
Condividi