Papà violento alla sbarra a Lugano
Papà violento alla sbarra a Lugano (TI-Press)

"Undici anni per tentato omicidio"

E' questa la richiesta di pena per il cittadino siriano 50enne domiciliato nel Mendrisiotto a processo alle Assise criminali a Lugano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Undici anni di carcere e l'espulsione per 10 anni anni per tentato omicidio. È questa la richiesta di pena della procuratrice Marisa Alfier per il cittadino siriano 50enne domiciliato nel Mendrisiotto a processo giovedì davanti alla corte delle Assise criminali a Lugano.

 

L'uomo a più riprese, negli anni, ha tentato di uccidere a pugni e calci due figli. Ed il suo violento e manesco controllo era esercitato quotidianamente anche sulla moglie.

Nel dicembre del 2018, nella loro abitazione, picchiò per ore brutalmente la figlia, colpevole i suoi occhi, di essersi fidanzata senza il suo permesso. Un trattamento che riservò anche al figlio.

"Nella nostra cultura, per evitare che prendano la strada sbagliata, i figli si educano così. Picchiandoli", spiegò agli inquirenti il giorno del suo arresto, scattato il 26 dicembre.

joe.p.

Chiesti 11 anni per il padre violento

Chiesti 11 anni per il padre violento

Il Quotidiano di giovedì 09.07.2020

Condividi