Severino era considerato uno dei più grandi intellettuali italiani viventi (ANSA)

È morto Emanuele Severino

Il filosofo italiano, che a febbraio avrebbe compiuto 91 anni, è deceduto a Brescia. Era considerato uno dei più grandi letterati viventi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È morto Emanuele Severino. Il filosofo italiano è deceduto a Brescia il 17 gennaio, ma la notizia è stata resa pubblica soltanto oggi, martedì, a funerali avvenuti.

Severino, che avrebbe compiuto 91 anni il 26 febbraio, era considerato uno dei più grandi filosofi, scrittori e intellettuali viventi.

 

Nei suoi numerosi libri pubblicati sin dagli anni ‘50, Severino ha mostrato che "tutto, anche le cose più insignificanti, sono eterne per necessità e convinzione". Un pensiero radicale che per la negazione del divenire lo portò a scontrarsi con la chiesa cattolica: nel 1968 la sua filosofia fu dichiarata incompatibile con il cristianesimo.

"Avvicinarsi alla morte è avvicinarsi alla gioia, ma alludo al superamento di ogni contraddizione che attraversa la nostra vita perché siamo costantemente nello squilibrio e nell'instabilità: non ci attende la reincarnazione o la resurrezione, ma qualcosa di infinitamente di più". Così scriveva e ripeteva spesso il letterato.

 
ANSA/PSo
Condividi