Il primo Nobel africano in Ticino

Lo scrittore nigeriano Wole Soyinka a Chiassoletteraria: "I rapimenti di Boko Haram mi hanno interrogato"

Ad inaugurare venerdì sera la quattordicesima edizione di Chiassoletteraria c’era un ospite d’eccezione, una delle voci più potenti dell’Africa. Lo scrittore nigeriano Wole Soyinka, premio Nobel per la letteratura nel 1986, a Chiasso ha ricevuto una medaglia d’argento, la massima onorificenza cittadina.

Affiancato dalla traduttrice del suo ultimo libro (Ode per Chibok), Soyinka ha raccontato come sia stato il tema a scegliere lui, e non il contrario. E così è stato anche per la forma, quella dell’ode, dal sapore antico.

L’opera è dedicata alla città nigeriana dove l’organizzazione terroristica Boko Haram rapì oltre duecento studentesse. “Un evento duro, surreale, difficile da credere, che ha colpito le coscienze”.

redMM

Condividi