La Panda viaggia con il biometano derivato dalle acque reflue
La Panda viaggia con il biometano derivato dalle acque reflue (Twitter)

Il pieno con acqua delle fogne

Partito da Milano un test che prevede di percorrere 80'000 chilometri con un'auto alimentata a biometano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Una Fiat Panda di serie ha iniziato mercoledì da Milano un viaggio di 80'000 chilometri nel quale sarà alimentata a biometano prodotto dalle acque reflue, dei canali fognari. La vettura non ha subito modifiche particolari rispetto alle altre Panda che viaggiano a metano (“Natural Power” secondo la denominazione del costruttore) e la si guida senza particolari accorgimenti.

Il progetto del test sulla lunga distanza è del Gruppo CAP, azienda che gestisce il servizio idrico integrato della città metropolitana di Milano e che prevede tale sperimentazione sull’arco di diversi mesi. L’obiettivo è quello di permettere ai tecnici di FCA di valutare il biometano prodotto partendo dalle acque “sporche” e i relativi effetti sul propulsore dell’utilitaria, un bicilindrico di 0,9 litri da 80 CV.

Il pieno si farà nell’impianto di Bresso, alle porte di Milano, dove il Gruppo CAP sta trasformando i suoi depuratori in bioraffinerie e creare così il primo distributore di biometano a chilometro zero. Il percorso di prova della Panda sarà abbinato all’hashtag #BioMetaNow per raccontare le tappe dell’evento e i suoi sviluppi.

EnCa

Condividi