21:00
Oggi
  • venerdì 7 ven 7
  • sabato 8 sab 8
  • domenica 9 dom 9
  • lunedì 10 lun 10
  • martedì 11 mar 11
  • ieri ieri
  • oggi oggi
  • domani domani
  • sabato 15 sab 15
  • domenica 16 dom 16
  • lunedì 17 lun 17
  • martedì 18 mar 18
  • mercoledì 19 mer 19
  • giovedì 20 gio 20
LA 1
LA 2
Rete Uno
Rete Due
Rete Tre
1:30  • 
Radio svizzera classica
6:00  • 
Verde aurora
7:00  • 
Titoli RG
7:05  • 
La corrispondenza
7:20  • 
Agenda
7:30  • 
Notiziario
7:50  • 
Oggi a Rete Due
8:00  • 
Titoli RG
8:18  • 
In altre parole - con Daniel Maggetti

Daniel Maggetti

Al microfono di Mattia Pelli

Ha cominciato a interessarsi alla letteratura della Svizzera francese durante gli studi e lo ha fatto attraverso molte pubblicazioni storiche e sociologiche e edizioni critiche di autori romandi. Non a caso la sua tesi di dottorato del 1995 si intitola L'Invention de la littérature romande (“L’invenzione della letteratura romanda”), mentre è stato co-curatore del colossale lavoro di pubblicazione delle opere complete di Ramuz in 29 volumi tra il 2005 e il 2013. Ma Daniele Maggetti è anche autore in versi e in prosa, con cinque volumi al suo attivo: in italiano sono tradotti Camera 112 e La vedova col bambino (Dadò). Docente all’Università di Losanna è direttore dal 2002 del Centre des littératures en Suisse romande.
Al microfono di Mattia Pelli ci accompagnerà alla scoperta delle letterature romande in preparazione delle giornate letterarie di Soletta.

8:30  • 
Notiziario
8:50  • 
La rivista
9:05  • 
Santa Messa - Celebrata nella Chiesa del Cristo Risorto a Lugano da Mons. Valerio Lazzeri, Vescovo della Diocesi di Lugano
9:35  • 
Capriccio
10:00  • 

Laser è un magazine di approfondimento dell’attualità politica, culturale, sociale. Interviene sulla stretta attualità di giornata, solo in casi particolari, di grande rilevanza. Dà spazio anche a tematiche di interesse pubblico o a quante vengono trascurate dai grandi media. Il taglio è storico–sociologico. I registri comprendono interviste, reportage, documentari, incontri biografici. Spazia dal locale all’internazionale, da tematiche accademiche a questioni di vita quotidiana. Presta particolare attenzione alla forma radiofonica, all’abbinamento di contenuti di sostanza con uno stile divulgativo. È il magazine di riferimento della Rete Due per réportages e documentari.

10:30  • 
Notiziario
11:00  • 

di Corrado Antonini

Quattro novità discografiche con al centro altrettante orchestre e altrettanti approcci diversi all’orchestrazione si succederanno nella puntata odierna di “Clandestini per scelta”. Un nuovo disco del compositore inglese Oliver Davis, la collaborazione fra la cantante iraniana Cymin Samawatie e il percussionista indiano Ketan Bhatti, un progetto che associa il suonatore di kora Toumani Diabaté e la London Symphony e infine un disco registrato nel capo profughi di M’berra, in Mauritania.

11:35  • 

di Fabio Meliciani, a cura di Alessandra Bonzi

"Oggi è un giorno straordinario, a lungo atteso dalla comunità internazionale dei fisici" con queste parole, il portavoce dell'esperimento Muon g-2, lo scorso 7 aprile ha annunciato l’anomalia misurata presso i laboratori del Fermilab di Chicago, un’anomalia nel comportamento di una particella subatomica, il muone, il cugino pesante dell’elettrone. Il risultato, atteso da anni, se confermato, potrebbe aprire la via a una nuova fisica. Nella nuova puntata del "Giardino di Albert" cercheremo di capire l’entità di tale risultato, il contesto, e quali nuovi orizzonti aprirà. Nel 1900, il grande fisico William Thomson, Lord kelvin, riuscì a dire che "ormai in fisica non c’è più nulla da scoprire", da allora è stato un susseguirsi di risultati sorprendenti che hanno spalancato orizzonti inimmaginabili, dalla Meccanica quantistica alla Relatività, dal Modello standard agli indizi di un suo auspicato superamento, nuovi orizzonti che hanno stimolato spesso anche una profonda riflessione filosofica. Dopo alcuni decenni in cui l’entusiasmo e le aspettative rispetto ai risultati dei grandi acceleratori come LHC sembravano affievolirsi, il risultato del Fermilab riaccende l’entusiasmo. Di tutto questo parleremo, senza troppi tecnicismi, con la fisica Elisabetta Baracchini, ricercatrice presso il Gran Sasso Science institute a L’Aquila ed esperta di materia oscura, ambito che potrebbe trarre grandi benefici da questo risultato, e Federico Laudisa, logico e filosofo della scienza, professore presso l’Università di Trento, esperto di temi legati alla fisica e ai suoi fondamenti.

12:00  • 
Finestra aperta
12:00  • 
RG - Prima pagina
12:15  • 

La cultura si fa racconto e l’attualità culturale di Rete Due dà voce agli attori di questa nostra contemporaneità.

Gli appuntamenti:

lunedì-venerdì 12:45
 

 

12:20  • 

di Generoso Chiaradonna

Il tempo è ancora inclemente e capriccioso, ma il calendario ci porta alla mente per forza di cose alle vacanze. L’estate è alle porte e la voglia di viaggiare all’estero, dopo un inverno lunghissimo - causa Covid - è elevata come non mai. Ma anche se si riuscirà a districarsi tra le maglie della burocrazia sanitaria che l’uscita dalla pandemia impone - tra autocertificazioni, passaporti vaccinali e test diagnostici dell’ultima ora - dobbiamo accantonare l’idea di poter uscire dai confini nazionali come se nulla fosse successo. Il passato, per intenderci, quando ci si poteva permettere il lusso di un fine settimana londinese o viennese dell’ultimo minuto, non si ripresenterà tanto presto. Alla complicazione dei pass vaccinali, ormai più importanti delle carte d'identità e dei passaporti, l’estate incipiente potrebbe portare anche una sgradita sorpresa: l’aumento dei costi dei biglietti aerei e delle vacanze in generale. Le ragioni sono fondamentalmente due e ovvie: la liberazione della domanda repressa degli spostamenti; e il minor numero di voli che le compagnie aeree opereranno visto che le restrizioni ai viaggi non spariranno d’incanto.

 

12:30  • 
Titoli RG
12:35  • 
Pillole di Alice - Libri, storie e idee

Sangue, Saturno e Rosagarda

a cura di Massimo Zenari

«L’odore del sangue tende a sconfiggere i suoi interpreti». È così che si presenta la nuova edizione del romanzo postumo di Goffredo Parise, uno dei più importanti intellettuali italiani del Novecento, pubblicato la prima volta nel 1997 da Cesare Garboli e riproposto ora da Silvio Perrella a trentacinque anni dalla morte dello scrittore vicentino. Perrella che con questa rilettura critica (BUR contemporanea) dà “nuovo suono” ai movimenti remoti di un libro ancora scandaloso e sotto tanti aspetti maledetto. Rosagarda è invece il microcosmo leventinese, primordiale, in cui ci invita un trittico di deliziose “storielle” del maggiore poeta e scrittore che abbia avuto la Svizzera italiana, Giorgio Orelli, del quale il 25 maggio ricorrono i cento anni della nascita. Tre racconti sostanzialmente inediti e felicemente riuniti per Casagrande da Matteo Terzaghi e Pietro De Marchi. È invece un capolavoro dell’arte moderna, “Saturno che divora suo figlio” di Francisco Goya, il punto di partenza di un’acuta riflessione sul legame inscindibile fra il tempo e la morte che ci propone il filosofo Umberto Curi ne La morte del tempo (il Mulino). Un lavoro illuminante la cui lettura ci suggerisce Francesca Rigotti in conclusione di questa puntata di Alice.

13:00  • 
Radiogiornale
13:20  • 
Sport in breve
13:21  • 
Meteo
13:30  • 

La fiction radiofonica

Regia Fabio Calvi
1.a puntata

Un tranquillo pranzo domenicale in casa Chiesa, interminabile…scandito da una sfilza di pietanze, leccornie e amenità varie … e cronaca minuta dei fatti della settimana. Uno sracconto che si intreccia con le divagazioni e i pensieri di Francesco Chiesa, oramai quasi centenario, che in compagnia di Romano Amerio scandiscono il loro quieto attendere la Morte.

14:00  • 
Reteduecinque - fino alle 17.00
14:32  • 

di Davide Fersini e Giovanni Conti

Christopher Stephen Clark, anche conosciuto come Clark o Chris Clark, è un musicista e produttore discografico inglese, attivo nel mondo dell’elettronica e, dal 2000, prolifico re-mixer. Da poco è stato pubblicato il suo nono album dal titolo Playground In A Lake. Fin qui nessuna notizia; se non fosse che quest’ultima fatica di Clark esce sotto le insegne prestigiosissime della blasonata Deutsche Grammophone. Gli appassionati iniziano quindi ad interrogarsi sul destino e sulle traiettorie della casa discografica di Berlino nonché sulla definizione sempre più elastica di “avanguardia”. Per fare chiarezza senza pregiudizi o partigianerie, a Voi che sapete Davide Fersini e Giovanni Conti mettono a confronto le opinioni di Davide Ielmini, sociologo della musica e di Paola De Simone, critica musicale e storica della musica.

 

15:30  • 
Notiziario
16:00  • 
La recensione - Cinque novità discografiche recensite in diretta

Cinque novità discografiche per una settimana di piacevoli scoperte attraverso i generi, in compagnia di uno dei nostri recensori che, in diretta, ci propone gustosi assaggi di un disco accompagnati dal suo parere e dalle sue riflessioni.

a cura di Paolo Scarnecchia

Il primo libro dei madrigali a cinque voci di Cipriano de Rore stampato a Venezia nel 1542 rappresenta un importante punto di riferimento nella storia del genere musicale più rappresentativo del Rinascimento, sia per la qualità delle composizioni che per le scelte poetiche nelle quali predominano i versi di Francesco Petrarca. Per esaltarli l’ensemble Blue Heron, diretto da Scott Metcalfe, ha scelto di far precedere l’esecuzione di ciascun madrigale dalla loro declamazione. L’ulteriore pregio di questo doppio cd è nella accuratezza e ricchezza di dettagli storici e interpretativi contenuti nei lunghi testi del libretto, che rivelano il notevole lavoro di studio e di preparazione svolto per realizzare questa pregevole edizione discografica.

16:30  • 
Notiziario
17:00  • 
Diderot
17:10  • 

Diffondere cultura è partecipare al progresso della società. Così la pensava Denis Diderot, il grande fautore del progetto settecentesco dell’Enciclopedia.

Con Diderot Rete Due vuole restituire la ricchezza, la profondità e la vitalità della cultura contemporanea. Le voci della nostra Encyclopédie radiofonica sono le voci dei protagonisti, che si tratti "delle scienze, delle arti e dei mestieri” o di temi che sempre più investono la nostra società, come l’architettura sostenibile, l’urbanistica, la didattica del Terzo Millennio, la realtà virtuale, i nuovi nazionalismi, l’identità o la post sessualità.

Sempre a contatto col presente e con quanto accade sul territorio, pronti a coglierne potenzialità o aspetti critici, con l’ambizione di essere utile strumento di divulgazione e luogo di confronto.

17:20  • 

Diffondere cultura è partecipare al progresso della società. Così la pensava Denis Diderot, il grande fautore del progetto settecentesco dell’Enciclopedia.

Con Diderot Rete Due vuole restituire la ricchezza, la profondità e la vitalità della cultura contemporanea. Le voci della nostra Encyclopédie radiofonica sono le voci dei protagonisti, che si tratti "delle scienze, delle arti e dei mestieri” o di temi che sempre più investono la nostra società, come l’architettura sostenibile, l’urbanistica, la didattica del Terzo Millennio, la realtà virtuale, i nuovi nazionalismi, l’identità o la post sessualità.

Sempre a contatto col presente e con quanto accade sul territorio, pronti a coglierne potenzialità o aspetti critici, con l’ambizione di essere utile strumento di divulgazione e luogo di confronto.

17:30  • 
Notiziario
17:40  • 

Diffondere cultura è partecipare al progresso della società. Così la pensava Denis Diderot, il grande fautore del progetto settecentesco dell’Enciclopedia.

Con Diderot Rete Due vuole restituire la ricchezza, la profondità e la vitalità della cultura contemporanea. Le voci della nostra Encyclopédie radiofonica sono le voci dei protagonisti, che si tratti "delle scienze, delle arti e dei mestieri” o di temi che sempre più investono la nostra società, come l’architettura sostenibile, l’urbanistica, la didattica del Terzo Millennio, la realtà virtuale, i nuovi nazionalismi, l’identità o la post sessualità.

Sempre a contatto col presente e con quanto accade sul territorio, pronti a coglierne potenzialità o aspetti critici, con l’ambizione di essere utile strumento di divulgazione e luogo di confronto.

18:00  • 

Diffondere cultura è partecipare al progresso della società. Così la pensava Denis Diderot, il grande fautore del progetto settecentesco dell’Enciclopedia.

Con Diderot Rete Due vuole restituire la ricchezza, la profondità e la vitalità della cultura contemporanea. Le voci della nostra Encyclopédie radiofonica sono le voci dei protagonisti, che si tratti "delle scienze, delle arti e dei mestieri” o di temi che sempre più investono la nostra società, come l’architettura sostenibile, l’urbanistica, la didattica del Terzo Millennio, la realtà virtuale, i nuovi nazionalismi, l’identità o la post sessualità.

Sempre a contatto col presente e con quanto accade sul territorio, pronti a coglierne potenzialità o aspetti critici, con l’ambizione di essere utile strumento di divulgazione e luogo di confronto.

18:30  • 
Retedue informa - fino alle 20.05
18:30  • 
Cronache della Svizzera italiana
19:00  • 
Radiogiornale
19:20  • 
Sport in breve
19:21  • 
Meteo
19:25  • 
Laser (r)
20:00  • 

Attori dalla spiccata e fine personalità che propongono agli ascoltatori una poesia al giorno. Un momento poetico introdotto ogni volta da un aneddoto di vita. Il motivo, l’accadimento, il passaggio biografico che hanno trasformato la singola poesia  in un ricordo emotivo.

20:05  • 
Prima fila - fino alle 22.35
20:30  • 

Philharmonia Zurich, dir. Fabio Luisi.
Anton Bruckner:
Sinfonia n.8 in do minore (versione originale 1887)

22:30  • 
Notiziario
22:31  • 
Meteo
22:35  • 
Notturno - fino alle 06.00
22:35  • 
Laser (r)

Tra sogno e parola, nascita della psicanalisi

a cura di Sabrina Faller

Siamo nella Vienna di fine Ottocento quando, grazie a un giovane neurologo di nome Sigmund Freud (1856-1939) scoppia quella che lui stesso definisce ‘la terza rivoluzione’, ovvero la psicanalisi. Partendo dagli Studi sull’Isteria e passando attraverso L’interpretazione dei sogni, ma anche Tre saggi sulla teoria sessuale, la teoria psicanalitica prende forma con la scoperta dell’inconscio e della ‘via regia’ che conduce ad esso, cioè il sogno. E con la messa a punto della talking cure, cioè della cura fondata sul dialogo che tanto successo ebbe con i combattenti della prima guerra mondiale e che segnò l’affermazione della contrastata e dibattuta teoria freudiana. Di questo inizio prima tiepido poi folgorante, nato in una città ricca di fermenti culturali, parliamo con lo psichiatra e psicoterapeuta Giuseppe Zanda, già ricercatore all’Istituto Mario Negri di Milano, attivo negli ospedali di Varese, Vicenza e Lucca, docente all’Università di Pisa e responsabile per 15 anni del Dipartimento delle Dipendenze della ASL di Lucca, autore del volume Luci e ombre. Protagonisti (noti e meno noti) della storia della psicanalisi, edizioni ETS, 2018.

23:00  • 
Birdland - In ricordo di Wardell Gray, sassofonista (1921-1955)

In ricordo di Wardell Gray, sassofonista
(1921-1955) (4./5)
Con Maurizio Franco

Tra gli anniversari del jazz che si ricordano in questo 2021, anche il centenario dalla nascita di Wardell Gray, brillante tenorsassofonista la cui carriera fu però di breve durata. Scomparve a Las Vegas nel 1955, a soli 34 anni, in circostanze mai del tutto chiarite.
Fu legato nei primi anni ’40 all’orchestra di Earl Hines, poi a quella di Billy Eckstine dove figuravano buona parte dei “modernisti” del bop. Stabilitosi sulla West Coast, a Los Angeles in particolare, si mise in mostra quale uno dei musicisti più brillati che si esibivano nei molti locali: leggendarie divennero le sue sfide musicali, le cosiddette “chases”, con il suo famoso collega di strumento Dexter Gordon. Collaborò in seguito con Benny Goodman e Count Basie, e fu sempre più richiesto in studio di registrazione. Con gli anni ’50 inizio precocemente un declino che molti collegano ai suoi problemi di tossicodipendenza.
Maurizio Franco ricorda in Birdland la vicenda di un musicista che avrebbe avuto ancora molto da dire.

23:33  • 
Il giardino di Albert (r)

a cura di Clara Caverzasio

0:00  • 
Notturno - fino alle 06.00
0:00  • 

di Corrado Antonini

Trent Reznor & Atticus Ross; Once More Unto the Breach; The Null Corporation

Anna Andreu; El crit al cel; HIdden Track Records

Brian Eno; Fickle Sun (ii) The Hour Is Thin; Warp

Henrik Schwarz; Marvin Two; Sony Classical

Ernestine Anderson; So long; High Note

Ginevra Di Marco; La ballata dell'eroe; Funambulo

Terry Gibbs; Begin the beguine; Contemporary Records

Food; Earthly Carriage; ECM

Tim Easton; Old New Straitsville Blues; Campfire propaganda

John Ellis; Flight; Gondwana Records

Michèle Bernard; Les Effarés; EPM Musique

AMBIQ; The Spur; Wire Magazine

Freddy Cole; For the love of you; High Note

Espen Eriksen Trio; Never Ending January; Rune Grammofon

Jun Miyake & Kyoko Katsunuma; Abshana; Yellow bird

Leonard Cohen; It Seemed the Better Way; Columbia

Sandro Schneebeli World Music Group; For my brother; Brambus Records

Mike Del Ferro Trio; Luiza; Challenge Records

Iskra String Quartet; Melodia (I); 1631 Recordings

Robert Wyatt; Be serious; Domino Records

Susanne Abbuehl; Where Flamingos Fly; ECM Records

Baptiste Bieri; Monsanto; Autoproduzione

Count Basie and His Orchestra; Sloo Foot; Phoenix

0:30  • 
Radiogiornale notte
0:38  • 
Meteo
0:38  • 
Sport in breve
0:40  • 
Tenera è la notte
1:30  • 
Radio svizzera classica

Nessun risultato

Non abbiamo trovato alcun risultato che corrisponda ai criteri di ricerca