21:00
Oggi
  • martedì 28 mar 28
  • mercoledì 29 mer 29
  • giovedì 30 gio 30
  • venerdì 31 ven 31
  • sabato 1 sab 1
  • ieri ieri
  • oggi oggi
  • domani domani
  • mercoledì 5 mer 5
  • giovedì 6 gio 6
  • venerdì 7 ven 7
  • sabato 8 sab 8
  • domenica 9 dom 9
  • lunedì 10 lun 10
LA 1
LA 2
Rete Uno
Rete Due
Rete Tre
2:00  •  185 min
Notiziario - alle 02.00, 03.00, 04.00, 05.00
5:05  •  55 min
Il tocco magico (r) - Programma dedicato ai produttori musicali italiani e internazionali

A cura di Massimiliano Pani

6:00  •  0 min

Foto, caffè e quattro chiacchiere tra amici...

Per noi, Danny & Ale, sarà un’estate calda e con poche ore di sonno (la sera proveremo comunque a vivere le ore più fresche con i tanti eventi dell'estate a portata di mano) Poi comunque sveglia tra le 4 e le 4.30. Colazione... ci sarà tempo, magari verso le 8 insieme a un ascoltatore...

Perché il programma vorrebbe avere il pubblico costantemente al suo fianco e in molti modi: vi chiederemo -ad esempio- di mandarci "la prima foto del giorno" (purché sia pubblicabile...) perché ormai accendere lo smartphone è ormai la prima cosa che si fa ogni mattina. E se ci piace (la vostra foto) vi premieremo pure! Ma vorremmo anche le opinioni di chi va al lavoro e si alza come noi prima dell'alba.

E, come detto, ogni giorno un ascoltatore può fare colazione con noi. Si, ma alla buona sia chiaro. Un cornetto e un caffè della macchinetta, un selfie, due chiacchiere al microfono. Tra le 8 e le 9, ogni mattina.

Se volete, iscrivetevi con una mail a diretta.reteuno@rsi.ch: indicateci il giorno migliore per voi e... fatta! Paghiamo noi (Ale Bertoglio & Danny Rauseo)

I nostri contatti per la diretta:
telefono: 0848 03 08 08
whatsapp: 079 873 98 25
e la nostra pagina facebook

6:00  •  6 min
Notiziario
6:06  •  14 min

Oggi scopriamo powerbound butterfly e yoga flex fitness

 

La nostra ospite di oggi è Cecilia Capozza. Laureata in lingue e letterature straniere, appassionata del Pilates da più di 10 anni (è istruttrice di Pilates MAT), adora la danza moderna. Nella sua scheda ci ha scritto: "Poter vedere i propri allievi migliorare e sorriderti soddisfatti a ogni fine di lezione non ha prezzo".

Con Elisa Filippi oggi scopriamo TicInsect, una startup innovativa nata in Ticino per promuovere e realizzare l’economia circolare: dare nuovo valore agli scarti alimentari industriali e domestici trasformandoli in mangimi sani e sostenibili ed energia rinnovabile. 11 persone a lavorare sul progetto che si propone di stimolare un cambiamento vero: smettere di sprecare, smettere di pretendere risorse dal pianeta ritornandogli solo spazzatura.

 

Il nostro whatsapp reporter Lorenzo Buccella, corrispondente da Roma del TG, oggi ci racconta di una delle Processioni più sentite nella capitale italiana.

 

6:20  •  10 min
Rassegna stampa ticinese
6:30  •  1 min
Titoli RG
6:31  •  27 min
Viasuisse - La centrale svizzera d'informazione sul traffico
6:58  •  2 min
Meteo - previsioni di MeteoSvizzera Locarno Monti
7:00  •  12 min

Le trasmissioni

A mezzogiorno e mezzo segnale orario e poi il bollettino informativo o notiziario. A leggerlo il responsabile dell’ATS Mario Casanova per decenni la voce dell’informazione da Berna e unico corrispondente da palazzo federale. Era un appuntamento “sacro”, vietato parlare . Il rito si ripeteva anche alla sera. Poi negli anni 80 il cambiamento. L’introduzione del Radiogiornale fu una mezza rivoluzione. L’appuntamento informativo di mezzogiorno e mezzo mantenne la sua sacralità ma divenne qualcosa di nuovo. Finita l’era di Mario Casanova cominciò quella dei giornalisti RSI che non solo leggevano le notizie ma presentavano i contributi che i collaboratori preparavano per i giornali radio. E negli anni questa formula venne affinata, cambiò più volte nella forma e nella lunghezza, ma non mutò nella sostanza: dare uno sguardo il più completo possibile di quelli che sono gli avvenimenti, regionali nazionali e internazionali, più importanti della giornata. Oggi siamo arrivati a sei edizioni: cinque sono condotte da un capo edizione, una, Rg 24, dal notiziarista di turno. La sfida per una radio di servizio pubblico si rinnova ogni giorno: indipendenza, qualità giornalistica, pluralità di opinioni.

Obiettivi

Rapido, scorrevole, incisivo, capace di raccontare e contestualizzare lo svolgersi dell'attualità. Il Radiogiornale punteggia le 24 ore dell'offerta radiofonica della RSI, dalla RETE UNO passando alla DUE e alla TRE. Dare un quadro completo delle notizie del giorno, in Svizzera e all'estero, aggiornarle costantemente, farle crescere negli appuntamenti che si succedono durante la giornata. Il Radiogiornale fa tutto questo questo, offre anche succinti confronti di opinione sui temi caldi, quelli che fanno discutere e sono di interesse generale. Un Radiogiornale che, con un linguaggio accessibile al grande pubblico, non si accontenta di riferire i fatti. Li fa vivere.

Pubblico di riferimento

Il pubblico di riferimento è il più vasto possibile. L’obiettivo è quello di raggiungere il massimo di persone  nella Svizzera italiana ma anche il pubblico italofono che vive nel resto della Svizzera .

Contenuti

Il giornale radio ha il compito di riferire dei fatti importanti del giorno per fornire un quadro il più completo possibile dell’a ttualità nazionale, regionale e internazionale. Particolare attenzione è posta all’attualità nazionale, ma gli avvenimenti esteri sono presenti in ogni edizione e rappresentano una parte importante del giornale. I fatti regionali di particolare rilevanza trovano spazio anche nei RG e vengono sviluppati in collaborazione con le Cronache della Svizzera Italiana. Attualità politica, economica, sociale, culturale, religiosa e sportiva rientrano negli interessi del giornale radio. Tutti i temi possono prestarsi per essere riferiti al nostro pubblico in varie forme pezzi di cronaca, di analisi, reportages, primi approfondimenti. I radiogiornali sono spesso caratterizzati dalla presenza di ospiti qualificati che possono commentare, valutare e contestualizzare una o più notizie. Sei le edizioni, dal lunedì al venerdì. Il sabato e la domenica i domenica i Rg del mattino (quello delle 07.00 e quello delle 08.00) sono sostituiti da due notiziari lunghi.

7:12  •  8 min
Viasuisse - La centrale svizzera d'informazione sul traffico
7:20  •  10 min
Rassegna stampa nazionale
7:30  •  1 min
Titoli RG
7:31  •  19 min

Informazione sportiva con servizi, interviste e commenti sugli eventi sportivi del giorno

7:50  •  8 min
4 indizi per una prova - Gioca con noi! Chiama lo 0848 03 08 08
7:58  •  2 min
Meteo
8:00  •  15 min

Le trasmissioni

A mezzogiorno e mezzo segnale orario e poi il bollettino informativo o notiziario. A leggerlo il responsabile dell’ATS Mario Casanova per decenni la voce dell’informazione da Berna e unico corrispondente da palazzo federale. Era un appuntamento “sacro”, vietato parlare . Il rito si ripeteva anche alla sera. Poi negli anni 80 il cambiamento. L’introduzione del Radiogiornale fu una mezza rivoluzione. L’appuntamento informativo di mezzogiorno e mezzo mantenne la sua sacralità ma divenne qualcosa di nuovo. Finita l’era di Mario Casanova cominciò quella dei giornalisti RSI che non solo leggevano le notizie ma presentavano i contributi che i collaboratori preparavano per i giornali radio. E negli anni questa formula venne affinata, cambiò più volte nella forma e nella lunghezza, ma non mutò nella sostanza: dare uno sguardo il più completo possibile di quelli che sono gli avvenimenti, regionali nazionali e internazionali, più importanti della giornata. Oggi siamo arrivati a sei edizioni: cinque sono condotte da un capo edizione, una, Rg 24, dal notiziarista di turno. La sfida per una radio di servizio pubblico si rinnova ogni giorno: indipendenza, qualità giornalistica, pluralità di opinioni.

Obiettivi

Rapido, scorrevole, incisivo, capace di raccontare e contestualizzare lo svolgersi dell'attualità. Il Radiogiornale punteggia le 24 ore dell'offerta radiofonica della RSI, dalla RETE UNO passando alla DUE e alla TRE. Dare un quadro completo delle notizie del giorno, in Svizzera e all'estero, aggiornarle costantemente, farle crescere negli appuntamenti che si succedono durante la giornata. Il Radiogiornale fa tutto questo questo, offre anche succinti confronti di opinione sui temi caldi, quelli che fanno discutere e sono di interesse generale. Un Radiogiornale che, con un linguaggio accessibile al grande pubblico, non si accontenta di riferire i fatti. Li fa vivere.

Pubblico di riferimento

Il pubblico di riferimento è il più vasto possibile. L’obiettivo è quello di raggiungere il massimo di persone  nella Svizzera italiana ma anche il pubblico italofono che vive nel resto della Svizzera .

Contenuti

Il giornale radio ha il compito di riferire dei fatti importanti del giorno per fornire un quadro il più completo possibile dell’a ttualità nazionale, regionale e internazionale. Particolare attenzione è posta all’attualità nazionale, ma gli avvenimenti esteri sono presenti in ogni edizione e rappresentano una parte importante del giornale. I fatti regionali di particolare rilevanza trovano spazio anche nei RG e vengono sviluppati in collaborazione con le Cronache della Svizzera Italiana. Attualità politica, economica, sociale, culturale, religiosa e sportiva rientrano negli interessi del giornale radio. Tutti i temi possono prestarsi per essere riferiti al nostro pubblico in varie forme pezzi di cronaca, di analisi, reportages, primi approfondimenti. I radiogiornali sono spesso caratterizzati dalla presenza di ospiti qualificati che possono commentare, valutare e contestualizzare una o più notizie. Sei le edizioni, dal lunedì al venerdì. Il sabato e la domenica i domenica i Rg del mattino (quello delle 07.00 e quello delle 08.00) sono sostituiti da due notiziari lunghi.

8:15  •  45 min
Viasuisse - La centrale svizzera d'informazione sul traffico
9:00  •  5 min
Notiziario
9:05  •  55 min

Con Axel Belloni e Elena Caresani

 

 

 

Adesso si chiama “Bigatt”, per molti è ancora il vecchio “Morchino”, ma è soprattutto un albergo, un ristorante e un’impresa sociale allo stesso tempo. La rivalorizzazione dell’edificio storico ai piedi del San Salvatore e la possibilità di reinserimento nella società, due facce di un’iniziativa appena decollata che ci racconta Donatella Zappa, direttrice della Cooperativa Area.

Gianni Padlina, il mondo lo ha visto attraverso l’obiettivo della sua cinepresa. Da Cuba all’Africa, passando per Panama e le produzioni locali come Giochi senza frontiere, il regista ticinese si racconta ai nostri microfoni.

Bigatt

10:00  •  60 min
Notiziario
11:00  •  5 min
Notiziario
11:05  •  55 min

Viaggi, sport estivi e tanto altro

 

Da apprendista falegname a direttore del Liceo di Bellinzona: la recente nomina di Nicola Pinchetti, 50 anni il prossimo mese, ci offre lo spunto per incontrare un docente che può vantare un percorso personale e professionale insolito e sorprendente.

La scuola la conosce bene e in profondità essendo insegnante da oramai 25 anni, prima alle Scuole Medie di Gordola, poi alla Commercio di Bellinzona ed ora al Liceo, sempre di Bellinzona. Ama insomma reinventarsi e rimettersi in gioco: con lui desideriamo fare il punto sulla scuola di ieri, di oggi e di domani e proprio la scuola futura è densa di incognite e di incertezze per come ripartirà.

Dentro e oltre le aule, insomma, ma Nicola Pinchetti ci racconta anche il suo mondo extra-scolastico, i suoi interessi, le sue passioni e il mondo e la società di oggi.

12:00  •  0 min
L'informazione di mezzogiorno - fino alle 13.00
12:00  •  22 min
RG Prima pagina
12:22  •  6 min
Viasuisse - La centrale svizzera d'informazione sul traffico
12:28  •  2 min
Meteo - previsioni di MeteoSvizzera Locarno Monti
12:30  •  20 min

Le trasmissioni

A mezzogiorno e mezzo segnale orario e poi il bollettino informativo o notiziario. A leggerlo il responsabile dell’ATS Mario Casanova per decenni la voce dell’informazione da Berna e unico corrispondente da palazzo federale. Era un appuntamento “sacro”, vietato parlare . Il rito si ripeteva anche alla sera. Poi negli anni 80 il cambiamento. L’introduzione del Radiogiornale fu una mezza rivoluzione. L’appuntamento informativo di mezzogiorno e mezzo mantenne la sua sacralità ma divenne qualcosa di nuovo. Finita l’era di Mario Casanova cominciò quella dei giornalisti RSI che non solo leggevano le notizie ma presentavano i contributi che i collaboratori preparavano per i giornali radio. E negli anni questa formula venne affinata, cambiò più volte nella forma e nella lunghezza, ma non mutò nella sostanza: dare uno sguardo il più completo possibile di quelli che sono gli avvenimenti, regionali nazionali e internazionali, più importanti della giornata. Oggi siamo arrivati a sei edizioni: cinque sono condotte da un capo edizione, una, Rg 24, dal notiziarista di turno. La sfida per una radio di servizio pubblico si rinnova ogni giorno: indipendenza, qualità giornalistica, pluralità di opinioni.

Obiettivi

Rapido, scorrevole, incisivo, capace di raccontare e contestualizzare lo svolgersi dell'attualità. Il Radiogiornale punteggia le 24 ore dell'offerta radiofonica della RSI, dalla RETE UNO passando alla DUE e alla TRE. Dare un quadro completo delle notizie del giorno, in Svizzera e all'estero, aggiornarle costantemente, farle crescere negli appuntamenti che si succedono durante la giornata. Il Radiogiornale fa tutto questo questo, offre anche succinti confronti di opinione sui temi caldi, quelli che fanno discutere e sono di interesse generale. Un Radiogiornale che, con un linguaggio accessibile al grande pubblico, non si accontenta di riferire i fatti. Li fa vivere.

Pubblico di riferimento

Il pubblico di riferimento è il più vasto possibile. L’obiettivo è quello di raggiungere il massimo di persone  nella Svizzera italiana ma anche il pubblico italofono che vive nel resto della Svizzera .

Contenuti

Il giornale radio ha il compito di riferire dei fatti importanti del giorno per fornire un quadro il più completo possibile dell’a ttualità nazionale, regionale e internazionale. Particolare attenzione è posta all’attualità nazionale, ma gli avvenimenti esteri sono presenti in ogni edizione e rappresentano una parte importante del giornale. I fatti regionali di particolare rilevanza trovano spazio anche nei RG e vengono sviluppati in collaborazione con le Cronache della Svizzera Italiana. Attualità politica, economica, sociale, culturale, religiosa e sportiva rientrano negli interessi del giornale radio. Tutti i temi possono prestarsi per essere riferiti al nostro pubblico in varie forme pezzi di cronaca, di analisi, reportages, primi approfondimenti. I radiogiornali sono spesso caratterizzati dalla presenza di ospiti qualificati che possono commentare, valutare e contestualizzare una o più notizie. Sei le edizioni, dal lunedì al venerdì. Il sabato e la domenica i domenica i Rg del mattino (quello delle 07.00 e quello delle 08.00) sono sostituiti da due notiziari lunghi.

12:50  •  10 min

Informazione sportiva con servizi, interviste e commenti sugli eventi sportivi del giorno

13:00  •  60 min
Effetto musica - Musica, curiosità e tanti premi per voi! Dalle 13.00 alle 16.00
14:00  •  60 min
Notiziario
15:00  •  60 min
Notiziario
16:00  •  5 min
Notiziario
16:05  •  55 min
Detto tra noi - Notizie, tendenze, curiosità

Il fatto del giorno. Un fatto serio oppure leggero. Affrontato nell’arco di due ore e al servizio del pubblico. Che può commentare, valutare, conoscere e riflettere meglio sui dettagli. Un punto su «ciò di cui si parla» a metà pomeriggio, a contatto diretto con gli ascoltatori. Per discutere e approfondire, grazie alla presenza di un esperto, di un opinionista, di uno psicologo. Ma anche, grazie al nostro «microfono» nei bar, nei lidi e nei luoghi in cui la gente parla e discute.

17:00  •  15 min
Notiziario
17:15  •  10 min
Meteo - previsioni di MeteoSvizzera Locarno Monti
17:25  •  7 min
Anticipazione Cronache della Svizzera italiana
17:32  •  5 min

Informazione sportiva con servizi, interviste e commenti sugli eventi sportivi del giorno

17:37  •  23 min
Viasuisse - La centrale svizzera d'informazione sul traffico
18:00  •  0 min
Informazione della sera - fino alle 19.15
18:00  •  28 min

La trasmissione

Nate il 1° gennaio del 1968, in un’epoca di rivoluzioni, sono state una piccola rivoluzione per la RSI. Le Cronache della Svizzera italiana (CSI) sono state infatti la prima trasmissione radiofonica ad occuparsi di quanto succedeva quotidianamente in Ticino e nel Grigioni italiano. Hanno raccolto l’eredità di due settimanali “ Orizzonti ticinesi” e ancora prima di “Casa Nostra”, aprendosi però alla stretta attualità e alle valli italofone dei Grigioni. Nel corso degli anni le Cronache sono state per l’InfoRadio un piccolo laboratorio dove provare nuovi approcci, ma anche il passaggio obbligato per quasi tutti i giornalisti alle prime armi. Nel gennaio del ’68 la redazione era composta proprio da 3 giovani di belle speranze: Michele Fazioli, Sergio Ostinelli ed Emilio Jorio, che preparavano i 15 minuti quotidiani.

Oggi siamo una quindicina ad intervenire con tempestività in tutti gli appuntamenti informativi ed ad occuparci dell’edizione delle 18.00, che dura una ventina di minuti. Lavoriamo in stretto contatto con i colleghi del Quotidiano e del sito web e naturalmente del Radiogiornale per garantire completezza e indipendenza.

L’obiettivo delle CSI – così da sempre vengono chiamate dapprima a Besso e dal dicembre del 2008 a Comano - è lo stesso da quasi 50 anni: raccontare il paese, i principali avvenimenti con i loro protagonisti ma anche i semplici cittadini.

Obiettivi

Le CSI sono l'antenna sul territorio della Svizzera italiana. Riferiscono gli avvenimenti che fanno la cronaca nella regione, con particolare attenzione a ciò che succede nel campo politico, economico e sociale. Il territorio, i rapporti con il resto della Svizzera, i temi caldi che si sviluppano sulla frontiera sono nel mirino delle CSI. Non solo notizie e servizi, ma, sui temi caldi, il programma offre anche interventi di primo approfondimento.

Pubblico di riferimento

Tutto il pubblico radiofonico e dell’online interessato ad un’informazione completa e super-partes.

Contenuti

Attualità, approfondimenti, reportages, dirette, interviste e tutto quanto fa informazione locale e nazionale  vengono proposti utilizzando tutti i registri della trasmissione radiofonica. Il venerdì, in coda al Radiogiornale, vengono proposte le "Voci del Grigioni italiano".

18:28  •  2 min
Meteo - Previsioni di MeteoSvizzera Locarno Monti
18:30  •  20 min

Le trasmissioni

A mezzogiorno e mezzo segnale orario e poi il bollettino informativo o notiziario. A leggerlo il responsabile dell’ATS Mario Casanova per decenni la voce dell’informazione da Berna e unico corrispondente da palazzo federale. Era un appuntamento “sacro”, vietato parlare . Il rito si ripeteva anche alla sera. Poi negli anni 80 il cambiamento. L’introduzione del Radiogiornale fu una mezza rivoluzione. L’appuntamento informativo di mezzogiorno e mezzo mantenne la sua sacralità ma divenne qualcosa di nuovo. Finita l’era di Mario Casanova cominciò quella dei giornalisti RSI che non solo leggevano le notizie ma presentavano i contributi che i collaboratori preparavano per i giornali radio. E negli anni questa formula venne affinata, cambiò più volte nella forma e nella lunghezza, ma non mutò nella sostanza: dare uno sguardo il più completo possibile di quelli che sono gli avvenimenti, regionali nazionali e internazionali, più importanti della giornata. Oggi siamo arrivati a sei edizioni: cinque sono condotte da un capo edizione, una, Rg 24, dal notiziarista di turno. La sfida per una radio di servizio pubblico si rinnova ogni giorno: indipendenza, qualità giornalistica, pluralità di opinioni.

Obiettivi

Rapido, scorrevole, incisivo, capace di raccontare e contestualizzare lo svolgersi dell'attualità. Il Radiogiornale punteggia le 24 ore dell'offerta radiofonica della RSI, dalla RETE UNO passando alla DUE e alla TRE. Dare un quadro completo delle notizie del giorno, in Svizzera e all'estero, aggiornarle costantemente, farle crescere negli appuntamenti che si succedono durante la giornata. Il Radiogiornale fa tutto questo questo, offre anche succinti confronti di opinione sui temi caldi, quelli che fanno discutere e sono di interesse generale. Un Radiogiornale che, con un linguaggio accessibile al grande pubblico, non si accontenta di riferire i fatti. Li fa vivere.

Pubblico di riferimento

Il pubblico di riferimento è il più vasto possibile. L’obiettivo è quello di raggiungere il massimo di persone  nella Svizzera italiana ma anche il pubblico italofono che vive nel resto della Svizzera .

Contenuti

Il giornale radio ha il compito di riferire dei fatti importanti del giorno per fornire un quadro il più completo possibile dell’a ttualità nazionale, regionale e internazionale. Particolare attenzione è posta all’attualità nazionale, ma gli avvenimenti esteri sono presenti in ogni edizione e rappresentano una parte importante del giornale. I fatti regionali di particolare rilevanza trovano spazio anche nei RG e vengono sviluppati in collaborazione con le Cronache della Svizzera Italiana. Attualità politica, economica, sociale, culturale, religiosa e sportiva rientrano negli interessi del giornale radio. Tutti i temi possono prestarsi per essere riferiti al nostro pubblico in varie forme pezzi di cronaca, di analisi, reportages, primi approfondimenti. I radiogiornali sono spesso caratterizzati dalla presenza di ospiti qualificati che possono commentare, valutare e contestualizzare una o più notizie. Sei le edizioni, dal lunedì al venerdì. Il sabato e la domenica i domenica i Rg del mattino (quello delle 07.00 e quello delle 08.00) sono sostituiti da due notiziari lunghi.

18:50  •  5 min
Sport in breve
18:55  •  5 min
Viasuisse - La centrale svizzera d'informazione sul traffico
19:00  •  15 min

Un radiogiornale quotidiano, da lunedì a venerdì, sull'attualità grigionese. Un compendio degli spunti più significativi dell’attualità retica destinato agli italofoni residenti in tutto il paese. In redazione a Coira: Roberto Scolla, Manuele Ferrari e Patrick Colombo.

19:15  •  45 min
Prima che sia troppo tardi - Il salotto di Rete Uno
20:00  •  20 min
Notiziario
20:20  •  40 min
Il meglio di Baobab
21:00  •  60 min
Notiziario
22:00  •  5 min
Notiziario
22:05  •  55 min

A cura di Herbert Cioffi

Il compleanno di un personaggio della musica italiana che abbiamo imparato a conoscere di più in questo periodo: Bugo. Vi racconterò alcune curiosità su di lui e sul suo essere davvero indipendente.

Il 5 agosto sarà poi il compleanno del rapper milanese J-Ax, mi sembra giusto tributare, fra le chicche, uno spazio anche ad Alessandro Aleotti che negli anni ’90 seppe creare un linguaggio serrato fatto di rime scaltre e funzionali e soprattutto adesso che ha ricreato un suo mondo musicale, da solista e come autore di featuring davvero di livello.

La novità è tratta dall’iniziativa "I love my radio" più volte raccontata e in questione è un inedito Jovanotti che si misura con il pezzo dei pezzi della musica italiana, ossia Caruso, realizzato anche in due versioni. Sarete voi a giudicarlo, ma vi anticipo che con l’arrangiamento di Paolo Buonvino, convince.

Per chiudere, mai come in questo caso sarà appropriato chiudere con un classico degli anni ’60 perfettamente in armonia con questo mese e che vi aprirà un mondo di ricordi.

23:00  •  5 min
Notiziario
23:05  •  55 min
Onderadio (r) - Con gli Alti & Bassi

Gli Alti & Bassi propongo musiche, storie, interviste e aneddoti riguardanti gli “alti e bassi” della musica

0:00  •  10 min

Le trasmissioni

A mezzogiorno e mezzo segnale orario e poi il bollettino informativo o notiziario. A leggerlo il responsabile dell’ATS Mario Casanova per decenni la voce dell’informazione da Berna e unico corrispondente da palazzo federale. Era un appuntamento “sacro”, vietato parlare . Il rito si ripeteva anche alla sera. Poi negli anni 80 il cambiamento. L’introduzione del Radiogiornale fu una mezza rivoluzione. L’appuntamento informativo di mezzogiorno e mezzo mantenne la sua sacralità ma divenne qualcosa di nuovo. Finita l’era di Mario Casanova cominciò quella dei giornalisti RSI che non solo leggevano le notizie ma presentavano i contributi che i collaboratori preparavano per i giornali radio. E negli anni questa formula venne affinata, cambiò più volte nella forma e nella lunghezza, ma non mutò nella sostanza: dare uno sguardo il più completo possibile di quelli che sono gli avvenimenti, regionali nazionali e internazionali, più importanti della giornata. Oggi siamo arrivati a sei edizioni: cinque sono condotte da un capo edizione, una, Rg 24, dal notiziarista di turno. La sfida per una radio di servizio pubblico si rinnova ogni giorno: indipendenza, qualità giornalistica, pluralità di opinioni.

Obiettivi

Rapido, scorrevole, incisivo, capace di raccontare e contestualizzare lo svolgersi dell'attualità. Il Radiogiornale punteggia le 24 ore dell'offerta radiofonica della RSI, dalla RETE UNO passando alla DUE e alla TRE. Dare un quadro completo delle notizie del giorno, in Svizzera e all'estero, aggiornarle costantemente, farle crescere negli appuntamenti che si succedono durante la giornata. Il Radiogiornale fa tutto questo questo, offre anche succinti confronti di opinione sui temi caldi, quelli che fanno discutere e sono di interesse generale. Un Radiogiornale che, con un linguaggio accessibile al grande pubblico, non si accontenta di riferire i fatti. Li fa vivere.

Pubblico di riferimento

Il pubblico di riferimento è il più vasto possibile. L’obiettivo è quello di raggiungere il massimo di persone  nella Svizzera italiana ma anche il pubblico italofono che vive nel resto della Svizzera .

Contenuti

Il giornale radio ha il compito di riferire dei fatti importanti del giorno per fornire un quadro il più completo possibile dell’a ttualità nazionale, regionale e internazionale. Particolare attenzione è posta all’attualità nazionale, ma gli avvenimenti esteri sono presenti in ogni edizione e rappresentano una parte importante del giornale. I fatti regionali di particolare rilevanza trovano spazio anche nei RG e vengono sviluppati in collaborazione con le Cronache della Svizzera Italiana. Attualità politica, economica, sociale, culturale, religiosa e sportiva rientrano negli interessi del giornale radio. Tutti i temi possono prestarsi per essere riferiti al nostro pubblico in varie forme pezzi di cronaca, di analisi, reportages, primi approfondimenti. I radiogiornali sono spesso caratterizzati dalla presenza di ospiti qualificati che possono commentare, valutare e contestualizzare una o più notizie. Sei le edizioni, dal lunedì al venerdì. Il sabato e la domenica i domenica i Rg del mattino (quello delle 07.00 e quello delle 08.00) sono sostituiti da due notiziari lunghi.

0:10  •  50 min
La notte di Rete Uno - fino alle 05.45
1:00  •  15 min
Notiziario
1:15  •  45 min
Borghi di casa nostra (r) - Peculiarità spesso sconosciute dei nostri villaggi

Ogni puntata propone un mini reportage realizzato da Davide Gagliardi che, microfono alla mano, è andato alla ricerca di peculiarità spesso sconosciute dei nostri villaggi. Ha incontrato di persona chi conosce bene i retroscena e i segreti di questi gioielli culturali, storici o architettonici che spesso passano inosservati.

2:00  •  185 min
Notiziario - alle 02.00, 03.00, 04.00, 05.00
5:05  •  55 min
Alla ricerca del disco perduto (r)

A cura di Alessandro Bertoglio

Nessun risultato

Non abbiamo trovato alcun risultato che corrisponda ai criteri di ricerca