Anonima Frottolisti
Anonima Frottolisti

La Recensione

di Paolo Scarnecchia

La Recensione di Reteduecinque
Da lunedì 05 a venerdì 09 febbraio 2018 alle 16:00

Pino De Vittorio accompagnato da Laboratorio '600 diretto da Franco Pavan prosegue la sua esplorazione dei canzonieri di tradizione orale dell'Italia meridionale, dando risalto al patrimonio delle musiche calabresi. Queste provengono sia da una fonte manoscritta della prima metà del Settecento, che dalle raccolte svolte da alcuni etnomusicologi durante le loro ricerche e registrazioni sul campo, e mostrano diversi aspetti della cultura di tradizione orale della Calabria che De Vittorio rivisita da un punto di osservazione partenopeo.

La voce di Delphine Galou risalta in questo affascinante programma dedicato a musiche di ispirazione religiosa che mostrano l͛'influenza dell'opera nella creazione di cantate, mottetti e oratori. Il disco della Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone, contiene composizioni di Vivaldi, Jommelli, Gregori, Porpora, Caldara, Stradella, Torelli e Brevi del periodo a cavallo tra la seconda metà del Seicento e la prima del Settecento, e sono ricche dei contrasti e dei virtuosismi che rappresentano l'apoteosi della retorica barocca.

Vihuelas, liuto e viola da gamba accompagnano le voci di John Potter e di Anna Maria Friman nella originale interpretazione della Missa Surge propera di Tomás Luis de Victoria e di alcuni mottetti di Josquin Desprez. Fra Quattrocento e Cinquecento la polifonia puramente vocale poteva anche essere parzialmente intonata da strumenti musicali, ma più che ricercare una rigorosa prassi storicamente informata Potter, insieme ad Ariel Abramovich, Jacob Heringman, Lee Santana e Hille Perl, tende a mettere in risalto la bellezza delle singole linee melodiche del contrappunto rinascimentale.

L'ensemble umbro Anonima Frottolisti ha raccolto una serie di canti liturgici e devozionali dedicati al celebre santo creati nel corso dei primi tre secoli di storia dell'ordine francescano. Si tratta di musiche contenute in differenti codici, come il Cantorino di Reims custodito nella Biblioteca del Sacro Convento di Assisi, il Laudario di Cortona, e un manoscritto del Castello del Buon Consiglio di Trento. Fra alcuni di questi canti in onore di San Francesco sono inserite delle brevi letture di documenti storici che contestualizzano e approfondiscono questa espressione musicale del francescanesimo.

Il Museo del Fado di Lisbona oltre a presentare nel suo piccolo auditorium concerti dedicati alla canzone urbana della capitale del Portogallo, a pubblicare studi e ricerche e a patrocinare eventi e iniziative dedicate al genere musicale che è la quintessenza della saudade, ha creato la propria etichetta discografica. Tra i suoi primi titoli risalta quello dedicato a José Manuel Neto, uno dei suonatori di guitarra portuguesa più attivi e stimati della scena lisboeta.

Pino De Vittorio, "Occhi Turchini. Songs from Calabria", Glossa

 

Delphine Galou e Accademia Bizantina, "Agitata", Alpha

John Potter, "Secret History. Josquin/Victoria", ECM

Anonima Frottolisti, "Gloriosus Franciscus", Tactus

 

José Manuel Neto, "Tons de Lisboa", Museu do Fado

 
Ora in onda Anime salve (r) - con Cristina Renzetti In onda dalle 17:00
Brani Brani in onda C'est si bon - Eartha Kitt Ore 16:45