Il dibattito si concentra soprattutto sulla presenza del lupo (keystone)

Lo scontro sul lupo

Si vota sulla revisione della Legge sulla caccia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La revisione della Legge sulla caccia (LCP), varata dal parlamento svizzero e che allenta, fra l’altro, le condizioni di abbattimento del lupo, sarà sottoposta al voto popolare il 27 settembre prossimo.

La LCP stabilisce, in particolare, che il lupo e lo stambecco sono "specie protette regolabili" e fissa le condizioni per poterli abbattere, anche nelle aree di protezione della fauna selvatica. Tra queste ragioni figurano la prevenzione di danni o di un pericolo concreto per l'uomo, come pure il mantenimento di effettivi adeguati di selvaggina a livello regionale. Spetterà quindi ai Cantoni la decisione di abbattere o meno uno o più esemplari. Dopo un acceso dibattito in Parlamento i deputati hanno inoltre attribuito la facoltà al Consiglio federale di autorizzare, tramite ordinanza, la regolazione di altre specie. 

Democentristi, popolari democratici, borghesi democratici e liberali radicali sostengono la revisione della legge proposta dal Governo federale e definita un “buon compromesso” mentre socialisti, verdi e verdi liberali, come anche alcuni liberali-radicali vi si oppongono. A combattere la nuova normativa sono state, in primis, le organizzazioni Pro Natura, WWF, BirdLife, Gruppo Lupo Svizzera e Zooschweiz, che hanno lanciato con successo il referendum. 

Per questi ultimi la nuova Legge sulla caccia è totalmente sbilanciata e manca completamente l'obiettivo di una soluzione di compromesso: "invece di regolamentare in modo pragmatico la presenza del lupo, essa minaccia la protezione delle specie animali in Svizzera."

L’odierna puntata di Modem partirà da un reportage di Paolo Dell’Oca che ha avvicinato un allevatore di pecore che ha sofferto delle predazioni ed un veterinario formatore di cani da protezione. In studio:

Armando Donati, membro del comitato per il SÌ e presidente dell’associazione per un territorio senza grandi predatori;

Serena Wiederkehr-Britos, coordinatrice del fronte per il NO e responsabile di Pro Natura Ticino.

 

 

Modem su Rete Uno alle 8.20, in replica su Rete Due alle 19.25. Ci trovate anche sul Podcast e sulle app: RSINews e RSIPlay