Consumi

Il lato oscuro della Rete

Viaggio nel Dark Web: droga, armi e sesso illecito in pochi clic - L'INCHIESTA

  • 4 febbraio 2016, 06:15
  • 6 settembre 2023, 05:07
  • CONSUMI
  • INFO

Viaggio nel Dark Web - di Jona Pixel Mantovan e Ludovico Camposampiero

RSI Mondo 02.02.2016, 10:06

AVVERTENZA: l’articolo intende rendere attenti sull’evoluzione della criminalità online. Non invita in nessun modo a replicare l’esperienza degli autori . Le pagine visualizzate sono state segnalate alla polizia federale.


Esiste un luogo, nella Grande Rete, dove si dice sia possibile trovare di tutto: dalla droga alle armi di ogni tipo, dai soldi falsi alle carte di credito clonate. È il lato oscuro della rete, fatto di migliaia di siti nascosti, non indicizzati, ai quali si accede in maniera criptata per poi rimbalzare tra le pagine senza essere scoperti. Dark Web è il suo nome.

Non occorre essere hacker per esplorare gli abissi di Internet. Bastano un PC, un programma ad hoc scaricabile gratuitamente (TOR ad esempio), un buon antivirus e il gioco è fatto. Noi ci abbiamo provato. Il risultato è stato sorprendente.

Scorrendo le pagine abbiamo trovato: armi che manco in un film d’azione, carte di credito clonate e conti pay pal rubati con il saldo di ognuno riportato in pagina come sul menu di un ristorante, droghe e farmaci di ogni tipo, banconote contraffatte (20 e 50 euro vanno per la maggiore), documenti d’identità falsificati e persino le istruzioni per costruire armi e ordigni esplosivi fai-da-te. Il tutto su pagine recensite dagli utenti e votate con tanto di stelline.

Tra freelance e cyber gang

Chi si nasconde dietro a queste pagine? I profili dei seller (venditori, ndr.) sono molto variegati, ci spiega Raoul Chiesa, tra i primi hacker italiani e oggi fra i maggiori esperti di sicurezza informatica a livello mondiale, tanto da aver collaborato con le Nazioni Unite nell’ambito della ricerca sul crimine e la giustizia ed essere diventato membro di vari consessi nazionali ed europei, come l’ENISA e l’ITU, l’agenzia dell’ONU per le telecomunicazioni.

“Tipicamente – ci spiega – si tratta di un'accozzaglia mista di organizzazioni criminali, di singoli “professionisti”, talvolta di ragazzini e poi di: hacker, cracker, cyber criminali, cyber mercenari e cyber gang, ma anche sicari, spacciatori (e produttori di sostanze stupefacenti), trafficanti di organi e di essere umani... C'è davvero di tutto, gli stessi personaggi che, purtroppo, esistono nel mondo reale".


Gallery: i siti e i numeri del Dark Web

L’anonimato, la discrezione e in un certo senso anche la vicinanza fra compratore e venditore (non ci sono macchine, ma persone in carne e ossa che raccolgono le comande), fanno del Dark Web l’humus perfetto sul quale far fiorire attività illecite di ogni tipo.

Aggiungiamoci i bitcoin e il gioco è fatto. Grazie a questa cyber-moneta, che garantisce un alto livello di anonimato, si aggirano infatti i percorsi bancari e dell’economia reale.

“I mezzi a disposizione per contrastare questi fenomeni non sono mai abbastanza – continua Chiesa – Servono persone formate, in grado di agire sotto copertura e che conoscano le lingue”. Non solo l’inglese, ma anche le lingue slave e il cinese, siccome il cyber crimine affonda le sue radici a Est. L’arabo è inoltre fondamentale per contrastare la propaganda jihadista: “Le operazioni vanno centralizzate e possibilmente cifrate. Un lavoro complicato, fonte di notevole stress psicologico per chi opera nel Dark Web.”

Navigare nel Dark Web è come farlo in mare aperto: ci sono i pescecani, ma anche i pesci piccoli che si credono squali e che finiscono presi all’amo. Alcuni darknet market sono in realtà specchietti per le allodole creati per truffare gli acquirenti (chi mai denuncerebbe il mancato arrivo di un pacco contenente una pistola con la matricola abrasa?).

Raoul Chiesa chiarisce però che nella maggior parte dei casi non si tratta di richiami ingannevoli, ma di merce e servizi illegali reali a tutti gli effetti, rivenduti da “freelance” o da vere e proprie gang: “Esattamente come tra i malavitosi, anche nel Dark Web vige una sorta di codice etico ed una reputazione dei singoli venditori ma, come nella vita reale, in mezzo a quelli leali c’è anche chi vuol fare il furbo”.


Fotostoria: uno svizzero truffatore nel Dark Web


Uno svizzero attivo nel dark web: l'intervista a Yves Nicolet, procuratore titolare dell'inchiesta

RSI Mondo 05.02.2016, 10:01

Nella tana dell'orco

Non essendo segnalati dai motori di ricerca, per molti le pagine del Dark Web sono anche uno spazio di libertà dove aggirare la censura di Stato e scambiare informazioni sensibili. Un luogo dove sono stati pubblicati per esempio i cablo dello scandalo Wikileaks. Qui però trovano terreno fertile anche le abiezioni di ogni tipo, prima fra tutte la pornografia infantile.

“I pedofili moderni non solo hanno scoperto quanto Internet sia labile – ci spiega ancora Raoul Chiesa - ma soprattutto come le reti anonime permettano la costruzione di pagine web sufficientemente chiuse: semplici da raggiungere conoscendone l’indirizzo; quasi impossibili da trovare non esistendo nel Dark Web l’equivalente di Google”.

Noi, per fortuna, non ci siamo imbattuti su contenuti del genere durante il nostro breve viaggio. Non li abbiamo neppure cercati e non lo faremo. Non entreremo, insomma, nella tana dell’orco.

di Ludovico Camposampiero e Jona "Pixel" Mantonvan


Dalla radio

  • CSI del 04.02.16; l'esperto di informatica forense Alessandro Trivilini al microfono di Daniela Giannini

    RSI Ticino e Grigioni 04.02.2016, 17:41

  • CSI del 04.02.16; intervista a Ludovico Camposampiero, uno dei due autori dell'inchiesta

    RSI Ticino e Grigioni 04.02.2016, 17:43


Il lato oscuro del web

Il Quotidiano 01.03.2016, 19:00

Correlati

Ti potrebbe interessare