Mondo

"Noi ci siamo ancora"

"Lo spirito di Charlie Hebdo vive", dice il nuovo direttore Gérard Biard. La Francia in piazza

  • 10 gennaio 2015, 18:34
  • 7 giugno 2023, 03:21
La manifestazione di solidarietà sul lungomare di Nizza

La manifestazione di solidarietà sul lungomare di Nizza

  • keystone

"Il prossimo numero di Charlie Hebdo sarà un numero 'normale', per così dire: noi ci siamo sempre, ma ci sono anche i terroristi, quindi ci saranno i numerosi Charlie Hebdo, con tutte le rubriche, tutti i vignettisti, tutte le penne saranno presenti". Lo ha annunciato il nuovo direttore della rivista satirica francese che ha subìto il sanguinoso attentato, Gerard Biard, in una intervista a Sky TG24 HD, parlando del numero che sarà diffuso in 1 milione di copie il 14 gennaio.

Da sinistra, il nuovo direttore di Charlie Hebdo, Gerard Briard, l'avvocato del settimanale Richard Malka e l'editorialista Patrick Pelloux

Da sinistra, il nuovo direttore di Charlie Hebdo, Gerard Briard, l'avvocato del settimanale Richard Malka e l'editorialista Patrick Pelloux

  • keystone

"Non hanno ucciso questo settimanale", ha proseguito Biard. "Tutti i lettori vi ritroveranno lo spirito di questa rivista, magari anche coloro che non lo hanno mai comprato e lo faranno stavolta, e devono sapere che cosa questi assassini hanno voluto attaccare attaccando Charlie".

Nizza

Nizza

  • keystone

"Hanno attaccato la libertà di stampa, la libertà di espressione, il diritto alla satira e alla caricatura. I terroristi hanno attaccato il laicismo. Perché se non c'è il laicismo, nessuna libertà, nessuna fraternità, nessun tipo di uguaglianza è possibile", ha concluso.

Sulla Promenade des Anglais si sono date appuntamento 23mila persone

Sulla Promenade des Anglais si sono date appuntamento 23mila persone

  • keystone

Intanto in tutto il Paese, come nel resto del mondo, si moltiplicano le manifestazioni di solidarietà alla rivista. Sabato in Francia, tra le tante città, a Tolosa sono scese in piazza 80mila persone, a Nantes 30mila, 20mila a Besançon e a Orléans, sul lungomare di Nizza, la famosa Promenade des Anglais, si sono dati appuntamento in 23mila.

I manifestanti a Marsiglia

I manifestanti a Marsiglia

  • keystone

Lo slogan "Je Suis Charlie" è comparso anche sulle piste elvetiche della Coppa del Mondo di Sci ad Adelboden, adattato in "Je Skie Charlie" dal campione francese Alexis Pinturault che lo ha portato sul podio.

Lo sciatore francese Alexis Pinturault sul podio della FIS World Cup di Adelboden

Lo sciatore francese Alexis Pinturault sul podio della FIS World Cup di Adelboden

  • keystone

M.Ang./ATS

Guarda l'animazione che visualizza il numero e la provenienza dei Tweet #JeSuisCharlie il giorno della strage, il 7 gennaio 2015

RG12.30 del 10/01/15: la corrispondenza in diretta di Pierre Ograbek

RSI Mondo 10.01.2015, 16:19

Ti potrebbe interessare