Svizzera

La ministra Keller-Sutter respinge le accuse

La consigliera federale si esprime sulla vicenda CS in un'intervista alla NZZ

  • 25 marzo 2023, 08:13
  • 24 giugno 2023, 05:59
  • INFO

Notiziario 08.00 del 25.03.2023

RSI Svizzera 25.03.2023, 08:23

  • keystone
Di: ATS/Swing

Secondo la ministra delle Finanze Karin Keller-Sutter, la legge "too big to fail" non si presta facilmente alla liquidazione di una banca di rilevanza sistemica attiva a livello globale. "In pratica, il danno economico [...] sarebbe considerevole". Anche se una liquidazione del Credit Suisse sarebbe stata legalmente possibile in base al principio "too big to fail", non era "chiaramente il momento di fare esperimenti", ha dichiarato Keller-Sutter in un'intervista rilasciata sabato alla Neue Zuercher Zeitung.

Credit Suisse, i timori del canton Argovia

Telegiornale 24.03.2023, 20:00

La consigliera federale ha inoltre affermato che non è stata esercitata alcuna pressione sulla Svizzera durante i negoziati che hanno portato all'acquisizione del Credit Suisse da parte di UBS. Nessuno ci ha spinto in nessuna direzione".

Critiche respinte

Per quanto riguarda la separazione dell'entità svizzera del Credit Suisse dal resto del gruppo e il suo mantenimento come banca indipendente, come proposto dal suo partito, il PLR sangallese respinge l'idea. "Mettere a repentaglio l'acquisizione negoziata con nuove condizioni e modificarla in questa fase sarebbe molto rischioso, con tutte le conseguenze per l'economia svizzera e i mercati finanziari internazionali", aggiunge. Non è bello - anche il Consiglio federale ha dovuto affrontare questa situazione - ma è la realtà".

Keller-Sutter ha anche respinto le critiche secondo cui le autorità di regolamentazione sarebbero state troppo a lungo spettatrici della débâcle del Credit Suisse. La banca "ha sempre rispettato i requisiti normativi in materia di capitale e liquidità", ha dichiarato. Ha dichiarato di non essersi semplicemente affidata ai dati, ma di aver informato l'intero Consiglio federale degli scenari di emergenza all'inizio di febbraio.

Credit Suisse, cittadini contrari

Telegiornale 24.03.2023, 20:00

"Le prime discussioni tra le autorità e le banche hanno avuto luogo mercoledì 15 marzo. A quel punto era chiaro che una fusione tra Credit Suisse e UBS sarebbe stata la soluzione migliore, ha proseguito, sottolineando che altri scenari non erano ancora stati esclusi. "Anche la decisione di principio di nazionalizzare il Credit Suisse era stata preparata sotto forma di ordinanza d'emergenza".

La variante migliore

La ministra è convinta che l'acquisizione del Credit Suisse da parte di UBS con garanzie federali sia la variante migliore. "Tutte le altre opzioni erano, a nostro avviso, più rischiose per lo Stato, i contribuenti, la piazza finanziaria svizzera e i mercati internazionali". Anche se UBS "non era certo in una posizione di debolezza", non ha dettato le sue condizioni, ha detto Keller-Sutter.

Per quanto riguarda la rabbia dell'opinione pubblica nei confronti di un'economia di mercato in cui i "grandi" vengono aiutati, la sangallese afferma di comprenderla. "Anch'io lo trovo difficile da accettare", ha detto, soprattutto quando gli errori di gestione hanno portato a questa situazione. Ma tali errori non possono essere eliminati, aggiunge. "Temo che il dilemma non sia facile da risolvere.

Salvataggio Credit Suisse: le responsabilità della politica

RSI Il mondo là fuori 24.03.2023, 17:55

Ti potrebbe interessare