Svizzera

La profilassi contro l’HIV sarà rimborsata

Il Consiglio federale vara un nuovo programma nazionale: entro il 2030 si vogliono azzerare le trasmissioni del virus e anche di epatite B e C

  • 29 November 2023, 12:47
  • 30 November 2023, 06:19
  • INFO

RG 07.00 del 30.11.2023 La corrispondenza di Anna Maria Nunzi

Di:ATS/Swing

Entro il 2030 non dovranno più esserci nuove trasmissioni dell’HIV - che se non curata sfocia nell’AIDS - e dei virus dell’epatite B e C in Svizzera. È l’obiettivo fissato oggi, mercoledì, dal Consiglio federale, che per riuscirci ha adottato un nuovo Programma nazionale.

Denominato “Stop all’HIV e all’epatite B e C e alle infezioni sessualmente trasmesse”, i suoi obiettivi sono in linea con quelli dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), indica il Governo in un comunicato. Con tale programma l’esecutivo vuole anche ridurre il numero delle nuove infezioni con altri agenti patogeni sessualmente trasmessi, in particolare quelli della sifilide, del virus del papilloma umano (HPV) e della gonorrea.

L’aspetto forse più significativo è che dal 1° luglio 2024 i costi della profilassi pre-esposizione all’HIV (PrEP) per le persone con un rischio elevato saranno assunti dall’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie.

HIV/AIDS, la situazione in Svizzera e gli sviluppi della lotta alla pandemia: l'intervista al Prof. Dr. med. Enos Bernasconi

  • 01.12.2021
  • 04:30

Correlati

Ti potrebbe interessare