Ticino e Grigioni

"Decimare i lupi? Conseguenze negative sulle foreste"

Le associazioni ambientaliste grigionesi tuonano contro il progetto federale: "I lupi riducono la popolazione di cervi e caprioli, che causano problemi ai giovani alberi"

  • 13 September 2023, 18:06
  • 13 September 2023, 19:50
  • INFO
Una lupa con il suo cucciolo

Una lupa con il suo cucciolo

  • keystone
Di: ATS/M. Ang.

Le associazioni ambientaliste grigionesi criticano duramente il progetto del Consiglio federale di ridurre massicciamente il numero di branchi di lupi in Svizzera attraverso una nuova ordinanza. La prevista "decimazione estrema" di una specie protetta viola la legge e non ha basi scientifiche.

L'Associazione delle organizzazioni ambientaliste dei Grigioni ha avvertito in un comunicato odierno che la messa in rete dei territori dei lupi (e quindi lo scambio genetico tra i lupi dell'intera regione alpina) non sarà più garantito.

Con la nuova ordinanza la popolazione di lupi potrà essere ridotta persino del 70%. Secondo le organizzazioni ambientaliste, saranno ancora tollerati tre branchi nei cantoni Grigioni, Ticino e San Gallo, quindi un solo branco in terra retica.

L'"eradicazione pratica" del lupo nei Grigioni aggraverà nuovamente il problema delle popolazioni di cervi e caprioli, troppo numerose, spiegano le organizzazioni ambientaliste. I danni ai giovani alberi causati dagli ungulati e quindi l'indebolimento dei boschi di protezione sono un problema costante nel cantone. I lupi riducono la popolazione di selvaggina e contribuiscono positivamente al processo di rigenerazione del bosco. La loro decimazione "comporterebbe notevoli costi aggiuntivi per la messa in sicurezza delle foreste di protezione nei Grigioni", avvertono le organizzazioni ambientaliste.

Nei Grigioni, i progetti di protezione delle greggi sono stati portati avanti con successo per anni. "Soprattutto nella Surselva, la regione con la più alta densità di lupi in Svizzera, il numero di attacchi non è aumentato con il numero di lupi, ma è diminuito, il che dimostra chiaramente che la coesistenza con i lupi è possibile. Naturalmente, questo significa anche che i lupi particolarmente dannosi possono essere abbattuti, ma non certo che la popolazione di lupi venga eradicata a livello regionale", scrivono le associazioni.

Le organizzazioni sono convinte che l'estinzione dei branchi di lupi non fermerà o rallenterà il cambiamento strutturale generale del territorio alpino e soprattutto dell'economia alpina.

Lupo

Telegiornale 12:30 di mercoledì 06.09.2023

  • 06.09.2023
  • 10:30

Notiziario delle 21:00 del 13.09.2023

  • 13.09.2023
  • 19:18

Correlati

Ti potrebbe interessare