Ticino e Grigioni

I benzinai sull’orlo di una crisi

I gestori ticinesi chiedono l’intervento dello Stato dopo la proroga degli sconti sul pieno in Italia - Invenduti anche i prodotti dei chioschi

  • 3 May 2022, 17:21
  • 23 June 2023, 16:55
  • INFO

SEIDISERA del 03.05.2022: La convenienza di fare benzina oltre confine

Di: Seidisera/sdr

La terza riduzione delle imposte sui carburanti decisa lunedì 2 maggio con il decreto legge da parte del Governo italiano, ha conseguenze dirette anche sui benzinai ticinesi, già duramente colpiti dopo la pandemia.

Le perdite registrate sono ingenti: non solo i frontalieri non si fermano più nelle stazioni di servizio sul confine, ma anche gli stessi ticinesi vanno in Italia a fare il carburante. Anche la stampa italiana oltre frontiera ha dedicato servizi ad un fenomeno mai osservato a queste latitudini. Le differenze di prezzo sono ingenti: un rifornimento di 50 litri può tradursi oltreconfine in un risparmio di 10 euro, sia per la benzina che per il gasolio.

Secondo i benzinai ascoltati dalla RSI tra Caslano, Brissago e Gandria, nemmeno i turisti potrebbero giocare un ruolo cuscinetto nei prossimi mesi, mentre l'unica soluzione possibile per i gerenti è un'intervento diretto sui prezzi. Alcuni di costoro hanno perso la metà degli introiti da marzo e fanno notare che accanto ai distributori ci sono chioschi o negozi che non vendono più nulla. La cioccolata - dice una responsabile su piazza dal 1959 - la mangia mia figlia, mia nipote o io. Tutto il resto - dice - bisogna buttarlo.

Ti potrebbe interessare