Ticino e Grigioni

Passatori a processo a Lugano

Tre cittadini iracheni accusati aver trasportato illegalmente 240 migranti l’anno scorso in meno di tre mesi dall’Italia alla Germania

  • 29 March 2023, 17:22
  • 22 July 2023, 15:43
  • INFO

SEIDISERA del 29.03.2023: Ticino: passatori a processo

A Lugano si è aperto oggi (mercoledì) il processo nei confronti di tre cittadini iracheni (due sono residenti nel Luganese) accusati – in via principale – di usura aggravata per aver trasportato illegalmente 243 migranti irregolare l’anno scorso in meno di tre mesi dall’Italia alla Germania.

Il traffico di migranti su cui si è dovuta chinare la Corte, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, è di quelli importanti: tanto per le sue dimensioni, quanto per i legami con il Ticino. In soli due mesi e mezzo, tra il 6 luglio e il 20 settembre scorsi, sarebbero stati compiuti 82 trasporti. Persone partite dall’Iraq, che dopo essere giunte a Varese venivano prese in consegna dai connazionali comparsi oggi alla sbarra.

Gli inquirenti sono riusciti a ricostruire almeno in parte la rete di trafficanti che c'è dietro ai tre imputati. In totale in Svizzera sono state infatti arrestate una quindicina di persone, tutte curdo-irachene, in un'inchiesta dal nome "Operazione 15".

Il dibattimento

Due imputati, quelli principali, si rimpallano le responsabilità e ammettono solo parte dell’ottantina di viaggi. Un 46enne curdo-iracheno residente a Paradiso è accusato di essere la mente della tratta Varese-Germania e di essere quello che dava le indicazioni all’altro, residente a Massagno, che effettuava materialmente i trasporti. L’uomo invece nega di aver avuto un ruolo di primo piano, sostiene di aver semplicemente messo a disposizione il suo appartamento di Paradiso per offrire una sosta ai migranti e afferma di aver ricevuto le informazioni su come muoversi da un ufficio che si trova nel Kurdistan iracheno. Il terzo imputato invece ammette la sua decina di viaggi.

Della provenienza dei migranti irregolari si è parlato poco in aula, si è però capito che erano pure loro curdi-iracheni, ma anche siriani o turchi. A dipendenza del tragitto che facevano pagavano dai 200 ai 900 euro a testa. Il pezzo grosso di questa organizzazione sarebbe un altro curdo-iracheno che risiede in Germania. Lo ha spiegato la procuratrice pubblica Chiara Buzzi nella sua requisitoria. È stato arrestato e gli inquirenti ticinesi hanno chiesto l'estradizione.

Il confronto a sorpresa

Nel pomeriggio è stato pure “improvvisato” un confronto in aula con un altro elemento di questa presunta organizzazione: un altro cittadino curdo-iracheno che risiede nella Svizzera tedesca e che consegnava il denaro ai trasportatori. L’uomo è stato prelevato dalla sua cella e accompagnato a Palazzo di giustizia in meno di 40 minuti. In aula ha sostenuto che tutti i migranti irregolari che hanno attraversato la Svizzera lo hanno fatto grazie all'uomo che risiede in Germania e al 46enne citato come una sorta di braccio destro del boss.

Un'affermazione forse esagerata, ma che lascia intendere come l'organizzazione sembri articolata nonostante le ammissioni di colpa siano poche e frammentate.

Ad ogni modo gli imputati si sono scusati, ammettendo però solo in parte i fatti contestati loro. Ognuno ha cercato di ridimensionare il proprio ruolo: nel numero di viaggi effettuati, nel compenso ricevuto, nel rango occupato all’interno dell’organizzazione. Un gioco allo scaricabarile, spesso in contrasto anche con gli elementi oggettivi emersi dall’inchiesta, come i contenuti delle intercettazioni telefoniche e ambientali.

La procuratrice pubblica ha chiesto per i due principali imputati 3 anni e 9 mesi di detenzione e rispettivamente 3 anni e 3 mesi, accompagnati da pene pecuniarie. Per il terzo imputato, con un ruolo minore, sono stati chiesti 20 mesi sospesi. Le arringhe difensive verranno pronunciate domani (giovedì).

L’esperta: “L’immigrazione senza trafficanti non esiste, per i migranti sono ‘agenti di viaggio’”

I passatori sono un elemento presente, centrale, lungo tutte le vie percorse dai migranti. Lo conferma anche l’esperta di migrazione sulla rotta balcanica Silvia Maraone, intervistata da SEIDISERA.

“Diciamo che nella stragrande maggioranza dei casi non possiamo parlare di immigrazione senza parlare di trafficanti di persone, che sovente sono anche connessi ad altri business illeciti. Spesso infatti il passaggio da una frontiera all'altra non riguarda solamente le persone, ma anche merci come la droga e/o le armi. Possiamo in sostanza dire che l'immigrazione senza trafficante non esiste, e quest’ultimo è anche una figura che paradossalmente viene vista come necessaria e perfino quasi buona da parte dei migranti stessi, che non li chiamano trafficanti ma li chiamano agenti di viaggio”.

Passatori che offrono spesso dei veri e propri pacchetti, che possono includere alloggi, zaini e scarpe o anche documenti falsi. E, secondo Maraone, più si paga e più è alta la percentuale di successo ed è breve la durata del viaggio. Ma chi sono questi passatori, trafficanti e scafisti? “Di norma o sono migranti loro stessi, che per pagare di meno il viaggio si prestano ad esempio a guidare le barche, oppure migranti che hanno debiti da ripagare e lo fanno accompagnando i gruppi. Ma ci sono anche persone locali, dei luoghi da dove avvengono le partenze, che vivono spesso in condizioni di miseria e vedono questa attività come un’opportunità di lavoro. Ma si tratta ad ogni modo di pedine, per di più facilmente sacrificabili e sostituibili, vista l’enorme sacca di miseria da cui si può attingere”.

Come arginare quindi il fenomeno? “Per fermare il traffico illecito bisogna andare alla sorgente, quindi da quelli che vengono chiamati gli agenti, ossia i trafficanti più grossi che evidentemente hanno collusioni e connessioni anche a livello statale e a livello di polizia di frontiera”.

Ascolta l’intervista integrale


SEIDISERA del 29.03.2023: La rotta balcanica

  • © 2023 KEYSTONE-SDA-ATS AG
  • 29.03.2023
  • 16:55

Passatori a processo

Il Quotidiano di mercoledì 29.03.2023

  • 29.03.2023
  • 17:00


Smantellato traffico di migranti

Il Quotidiano di venerdì 03.03.2023

  • 03.03.2023
  • 18:00

Correlati

Ti potrebbe interessare