Il nuovo showroom di AMAG all'interno del Circle nell’aeroporto di Zurigo (AMAG Press)

AMAG resiste bene alla pandemia

Gli effetti del Covid-19 influiscono sui risultati economici, ma l'azienda rimane sempre dinamica. Perderà però il CEO Morten Hannesbo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nonostante gli effetti nefasti del Covid-19 (vendite scese del 22,2%), il Gruppo AMAG chiude il 2020 con un bilancio che il CEO Morten Hannesbo ritiene soddisfacente. In un periodo in cui vari grandi gruppi decidono di unire le forze, come è il caso per PSA e FCA che sono diventati Stellantis, le marche rappresentate da AMAG si sono fatte apprezzare dall'utenza. Il gruppo ha registrato un fatturato consolidato di 4 miliardi (-15% rispetto al 2019), contando 6'472 collaboratori.

Volkswagen rimane il costruttore più amato dagli elvetici, come pure sono nelle prime posizioni delle preferenze su scala nazionale Audi, Skoda e Seat. Tutti i marchi hanno guadagnato margini di quota di mercato nonostante il calo dei volumi. E in totale AMAG ha venduto 71'290 auto e 8'315 veicoli utilitari.

Le VW e-Golf e ID.3 hanno contribuito fattivamente ai risultati 2020 di AMAG
Le VW e-Golf e ID.3 hanno contribuito fattivamente ai risultati 2020 di AMAG (VW Media)

La contrazione dell'attività è stata inferiore di quanto abbia subito il mercato complessivo: di conseguenze la quota dei marchi importati da AMAG - Volkswagen, Audi, Seat e Skoda - è salita al 30%, valore finora mai toccato.

In Ticino AMAG nel 2021 inaugurerà la sede di Lugano-Noranco, dove saranno ospitate Seat/Cupra e Skoda, oltre a una carrozzeria a Balerna. Dal canto suo Hannesbo lascerà l’azienda a febbraio, sostituito da Helmut Ruhl, attuale CFO.

Seat è sempre molto apprezzata dall'utenza elvetica anche con modelli come il Tarraco
Seat è sempre molto apprezzata dall'utenza elvetica anche con modelli come il Tarraco (Seat Media)
Enrico Campioni
Condividi