PIL tedesco cresce più del previsto (foto generica keystone)

Economia tedesca meno peggio del previsto

Il Prodotto interno lordo è aumentato dell'1,9% rispetto a quanto previsto qualche mese fa dal Governo che puntava all'1,4%

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'economia tedesca ha rallentato nel 2022 ma ha fatto meglio del previsto con un aumento del PIL dell'1,9% nonostante la crisi energetica e la guerra in Ucraina abbiano pesato sull'attività, secondo i dati preliminari pubblicati oggi, venerdì. "L'economia tedesca si sta riprendendo nonostante un contesto difficile", ha dichiarato l'istituto Destatis.

Secondo una prima stima, la crescita ha "ristagnato" negli ultimi tre mesi dell'anno, evitando in questa fase l'ingresso in recessione tanto temuto dalla prima economia della zona euro. Il Governo prevedeva una crescita di solo l'1,4% nel 2022, con un calo del PIL nel quarto trimestre, dopo una crescita del 2,6% nel 2021.

L'anno scorso la spesa privata per i consumi è stata "il principale pilastro" della crescita, secondo Destatis, sostituendo un'industria in difficoltà. Con un aumento del 4,6% rispetto all'anno precedente, questa particolare voce è quasi tornata ai livelli precedenti alla pandemia di coronavirus. I massicci aiuti governativi a sostegno del potere d'acquisto hanno impedito loro di crollare quando i prezzi dell'energia sono saliti alle stelle.

L'industria, tradizionalmente il motore dell'economia nazionale, è stata frenata fino alla primavera dalla persistente carenza di componenti dovuta a interruzioni delle catene di approvvigionamento. La situazione è migliorata su questo fronte nella seconda metà dell'anno, ma le aziende sono state poi colpite dalla crisi energetica e dall'inflazione, che hanno fatto lievitare i costi di produzione, secondo Destatis.

ATS/AFP/Swing
Condividi