Massicci interventi della BNS contro la forza del franco
Massicci interventi della BNS contro la forza del franco (keystone)

Franco forte, spesi 90 miliardi

La Banca nazionale svizzera è intervenuta massicciamente per evitare il rafforzamento della moneta nazionale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nel solo primo semestre dell'anno la Banca nazionale svizzera, per evitare il rafforzamento eccessivo del franco svizzero, 90 miliardi di franchi, molto di più che nei quattro anni precedenti, ha spiegato il vicepresidente dell’istituto Fritz Zurbrügg.

Se il franco si fosse apprezzato maggiormente l'impatto negativo del Covid-19 sull'economia elvetica sarebbe stato ancora più elevato di quanto non sia già stato, ha sottolineato l'esperto.

Semestre positivo per la BNS

Semestre positivo per la BNS

TG 12:30 di venerdì 31.07.2020

 

Anche in futuro sarà possibile, per la Banca nazionale svizzera (BNS), perseguire una politica monetaria basata su tassi d'interesse negativi, aggiunge Zurbrügg, in una dichiarazione di lunedì riportata dall’agenzia Reuters. Aggiunge però che l'Istituto è consapevole dei problemi che si verificano quando i tassi scendono al di sotto di una certa soglia. Come noto i tassi di interesse negativi sui conti giro della BNS sono stati introdotti nel gennaio 2015.

ATS/Swing

Condividi