All'evento di Davos partecipano businessmen e capi di Stato "globali", come Donald Trump (Reuters)

Il WEF "protegge" Davos

Il Forum economico mondiale non gradisce che l'evento statale organizzato in Arabia Saudita sia associato alla località grigionese

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il World economic forum (WEF) di Davos non ha apprezzato che il summit economico di Riad, caro al principe ereditario e al quale molti dirigenti e politici internazionali hanno rinunciato alla luce dell’omicidio del reporter Jamal Khashoggi, sia definito "Davos del deserto". Ha inoltre rimarcato che userà "ogni mezzo in suo possesso per proteggere il marchio Davos".

Il WEF ha fatto inoltre notare che non organizza mai conferenze in nome di un Governo, contrariamente a questo meeting che prende il via oggi, martedì, nella capitale saudita. Ha inoltre precisato che qualsiasi utilizzo del termine "Davos" per una manifestazione diversa dall’evento annuale nella località grigionese "non può che generare confusione".

 

In conclusione, si sottolinea come il forum di Davos non sia legato a nessun interesse politico, commerciale o personale e che oltre trenta capi di Stato o di Governo e oltre 1'000 alti dirigenti delle principali aziende mondiali hanno già confermato la loro partecipazione per l’edizione prevista nel 2019.

 
ATS/Reuters/EnCa
Condividi