Per taluni l'attività resta fortemente ridotta (TM)

Lavoro ridotto, "non solo Covid"

Tutti i settori hanno beneficiato delle indennità e alcuni ne chiedono l’estensione al 2022

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il picco è stato raggiunto nell’aprile 2020, quando 131'000 aziende e oltre un milione di dipendenti hanno beneficiato del lavoro ridotto per evitare licenziamenti. Lo scorso agosto il numero era sceso a 10'000 imprese e 60'000 lavoratori, ma per alcune categorie gli aiuti restano fondamentali. Particolarmente colpito il settore degli eventi, che chiede l’estensione delle indennità anche per il 2022. “Navighiamo veramente a vista”, dice Michele Alvarez, direttore di EMME SA.

Ma a tratti il Covid ha solo esasperato situazioni preesistenti, come spiega la ricercatrice SUPSI Ornella Larenza: “non imputiamo al Covid tutti i problemi o le difficoltà esistenti sul mercato del lavoro, perché commetteremmo un grave errore”.

Il tema del lavoro ridotto sarà approfondito dal magazine economico Tempi moderni, in onda domenica su RSI LA1 alle 21:55 oppure da ritrovare sul Play RSI.

TM
Condividi