Il rosso domina alla Borsa di Hong Kong (Keystone)

Le proteste pesano su Hong Kong

L'economia dell'ex colonia britannica in difficoltà a causa delle contestazioni politiche ma pure della guerra commerciale USA-Cina

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le proteste in corso da giugno contro la legge sull'estradizione e le incertezze provocate dalla guerra commerciale tra USA e Cina, iniziano ad avere ripercussioni sull'economia di Hong Kong, sulla tranquillità delle multinazionali e sul mercato finanziario dell'ex colonia britannica che dal 1997 gode di uno statuto speciale che giova enormemente all'economia cinese. Molte società multinazionali attraverso la regione fanno affari nella Repubblica popolare, mentre le sue società usano la Borsa di Hong Kong per raccogliere capitali (negli ultimi anni più della metà degli investimenti diretti nel paese è arrivata da lì).

Il conglomerato Cathay Pacific ha osservato un calo delle vendite al dettaglio, stessa cosa per la compagnia aerea. La Borsa, la quinta più grande al mondo, da inizio anno ha fatto segnare un risultato sotto la media, mentre recentemente UBS ha drasticamente ridotto le previsioni di crescita per l'anno in corso dal 2,4 allo 0,8%.

L'evoluzione della situazione rappresenta un problema anche per la Cina che non può permettersi una crisi che possa mettere a repentaglio l'immagine dell'importante centro finanziario.

Diem/RG
Condividi