Grazie a modelli quali la Logan MCV Stepway Dacia è la marca che ha perso meno in aprile (Media.Renault.ch)

Mercato auto, aprile orribile

Le vendite sono calate al livello più basso dai tempi della crisi del petrolio: targate solo 9'382 auto nuove, il 67,2% in meno dello stesso mese 2019

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In aprile il numero delle nuove immatricolazioni è sceso al livello più basso dalla crisi del petrolio degli anni '70. Da allora non vi è stato alcun mese in cui sono state messe in circolazione meno di 10'000 automobili, stando a quanto indica l’associazione mantello degli importatori auto-suisse.

Concretamente il mese scorso sono state immatricolate in Svizzera e nel Liechtenstein solo 9'382 vetture, pari al 67,2% in meno dell'aprile 2019. La contrazione accumulata da inizio anno si attesta al 35,6%, a 64'834 unità.

Dall'inizio della chiusura dei venditori e importatori di auto decisa dalle autorità, in una giornata di lavoro media sono state poste in circolazione circa 800 unità meno del solito, rileva auto-suisse. Dacia è la marca che ha perso meno in aprile: -49,1% rispetto al 2019. E con 7'352 auto Volkswagen è il marchio leader delle vendite elvetiche nel primo quadrimestre.

ATS/EnCa
Condividi