Quando l’edilizia è circolare

Da vecchi immobili e detriti di cantiere possono nascere nuovi edifici

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I rifiuti inerti, provenienti dai cantieri, sono il doppio rispetto a quelli prodotti dalle economie domestiche. Per migliorare la gestione delle discariche bisognerà puntare dunque sempre più sul riciclaggio.

Un’attività in cui la ditta Eberhard è pioniera in Svizzera. Riciclare costa molto lavoro e forse non è ancora economicamente conveniente rispetto a produrre beton nuovo. Eppure, alla Eberhard sono convinti che è la via giusta e hanno appena fatto un ulteriore passo avanti brevettando un nuovo calcestruzzo riciclato, il Zirkulit, che utilizza più materiale recuperato e immagazzina meglio l’anidride carbonica.

Anche gli ingegneri e architetti in futuro dovranno sempre più progettare considerando la successiva decostruzione degli edifici e il recupero dei materiali da costruzione.

Il terreno edificabile sta diventando poco e l’indirizzo federale è quello di densificare per evitare di aggredire nuovo territorio. Dunque, in un paese in cui circa il 70 percento degli immobili è stato costruito prima del 1980 dovremo imparare a considerare gli edifici vetusti come una risorsa.

L’argomento sarà approfondito dal nostro magazine di approfondimento economico Tempi moderni, in onda questa sera su su RSI LA1

Sabina Zanini
Condividi