Sono decisamente positivi gli ultimi dati annunciati da Ermotti, in partenza (Archvio keystone)

UBS ben oltre le stime

Utile netto trimestrale di 2,1 miliardi di dollari, a dispetto della crisi e del primo semestre - Cifre annunciate per l'ultima volta da Sergio Ermotti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nel terzo trimestre del 2020, UBS ha guadagnato molto di più rispetto all'anno precedente e anche le aspettative del mercato sono state significativamente superate. Tra luglio e fine settembre la banca zurighese ha infatti registrato un'impennata della redditività, con un incremento del 91,7% del risultato operativo (utile ante imposte) che è salito a 2,6 miliardi di dollari, a fronte degli 1,4 miliardi dello stesso periodo del 2019. Anche l'utile netto è quasi raddoppiato su base annuale portandosi a 2,1 miliardi di dollari.

Lo ha fatto sapere martedì l’istituto stesso, riportando quello che è di fatto l’ultimo annuncio dei risultati del direttore generale ticinese Sergio Ermotti, che a fine mese passerà il testimone al suo successore, l’olandese Ralph Hamers.

Con 1,1 miliardi di dollari, la maggior parte dell'utile al lordo delle imposte proviene dal “core business”, la gestione patrimoniale globale (GWM). Nel trimestre UBS ha attirato 1,4 miliardi di nuovi capitali netti, portando il patrimonio totale in gestione a 3’807 miliardi a fine settembre, il che la rende il primo gestore patrimoniale al mondo.

UBS premia i collaboratori

UBS premia i collaboratori

TG 12:30 di martedì 20.10.2020

 
ATS/dielle
Condividi