Juncker davanti all'Europarlamento a Bruxelles
Juncker davanti all'Europarlamento a Bruxelles (keystone)

"160'000 profughi da spartire"

Il discorso di Juncker: "A questa Europa mancano Europa e unione"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È stato un richiamo alla solidarietà e all'unità quello lanciato dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker nel suo primo discorso sullo stato dell'Unione. "L'UE non versa in buone condizioni, manca di unione e manca di Europa", ha affermato il lussemburghese, lanciando un appello agli Stati membri affinché accettino il ricollocamento di 160'000 rifugiati, il quadruplo rispetto alla proposta di maggio, accolta piuttosto freddamente.

"La ripartizione dovrà essere obbligatoria, lo scaricabarile non aiuta", ha detto ancora Juncker,  invitando a non lasciare soli i paesi maggiormente toccati dalla "peggiore emergenza migratoria dal 1945", come Ungheria, Grecia ed Italia. A inizio 2016, la Commissione proporrà un quadro legale per la gestione a lungo termine della crisi.

"Le cifre sono impressionanti", ha quindi aggiunto, "ma non è il momento di avere paura, è il momento delle azioni coraggiose". I ministri dell'interno si riuniranno il 14 settembre a Bruxelles.

pon/ATS/AFP

Dal tg12.30:

Migranti, il piano Juncker

Migranti, il piano Juncker

TG 13:05 di mercoledì 09.09.2015

Dal tg delle 20.00

Profughi, il piano dell'UE

Profughi, il piano dell'UE

TG 20 di mercoledì 09.09.2015

 

Condividi