La compagnia era nata nel 2018
La compagnia era nata nel 2018 (ansa)

Air Italy, 1'450 posti in bilico

La compagnia aerea in liquidazione potrebbe lasciare a casa tutti i dipendenti: "Ma prima ipotesi di cessione dei rami d'azienda"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La compagnia aerea Air Italy (ex Meridiana), dopo la liquidazione annunciata nei giorni scorsi, potrebbe licenziare tutti i suoi 1'450 dipendenti. L'ipotesi è emersa venerdì, dopo uno scambio tra i commissari liquidatori e i dirigenti della società. Tuttavia, la seconda compagnia aerea italiana ha fatto sapere che cercherà di percorrere tutte le strade alternative prima di ricorrere a questa soluzione.

"Verranno prese in considerazione tutte le possibilità di cessione di rami d'azienda che comprendano il possibile mantenimento di tutti o di parte dei posti di lavoro", ha precisato l'azienda in una nota.

Al momento, come hanno confermato i sindacati, non è partita alcuna lettera di licenziamento. L'iter legislativo prevede 75 giorni di tempo, quindi entro maggio, per dare corso al licenziamento collettivo.

La decisione di liquidare la società è stata presa l'11 febbraio dagli azionisti, Alisarda e Qatar Airways attraverso AQA Holding, a causa delle "persistenti e strutturali condizioni di difficoltà del mercato". Air Italy, basata in Sardegna, ma con una sede operativa a Milano Malpensa, avrebbe accumulato centinaia di milioni di euro di perdite.

 

Cosa succede ai passeggeri

Da martedì scorso, Air Italy è in fermo tecnico. La compagnia ha fatto sapere che garantirà i voli fino al 25 febbraio, attraverso altri vettori. I viaggi successivi a questa data saranno rimborsati integralmente, oppure sarà offerta una soluzione alternativa. Tutti i dettagli qui.

ANSA/eb
Condividi