Più di 700'000 rohingya ora vivono in enormi accampamenti nel Bangladesh (Keystone)

"Atrocità contro i Rohingya"

L'ONU ha chiesto un processo contro l'ex capo dell'esercito e 5 alti graduati del Myanmar per genocidio contro i Rohingya - Dito puntato anche contro il Governo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Governo del Myanmar, nel non impedire o prevenire i crimini, ha contribuito alle atrocità commesse contro il popolo Rohingya. Sono stati perpetrati uccisioni, stupri di massa e torture.

RG 12.30 del 27.08.2018 Il servizio di Andrea Ostinelli
RG 12.30 del 27.08.2018 Il servizio di Andrea Ostinelli

È quanto sostiene lunedì l'ONU in un rapporto in cui chiama in causa l'Esecutivo, guidato dalla leader Aung San Suu Kyi, per non aver protetto la popolazione civile, e chiede alla giustizia internazionale di processare l'ex capo dell'esercito e cinque alti graduati per genocidio.

Più di 700'000 membri della minoranza musulmana, tra l'agosto e il dicembre del 2017, sono stati costretti a fuggire dal paese dalle rappresaglie dell'esercito birmano, dopo attacchi contro una trentina di postazioni militari e di polizia. Si sono rifugiati in Bangladesh, dove da allora vivono in enormi accampamenti.

Atrocità contro i Rohingya

Atrocità contro i Rohingya

TG 20 di lunedì 27.08.2018

 
Contro i Rohingya "un genocidio"

Contro i Rohingya "un genocidio"

TG 12:30 di lunedì 27.08.2018

 
AFP/Reuters/Nad
Condividi