Steve Bannon, ex stratega del presidente statunitense Donald Trump (keystone)

Bannon alla conquista dell'UE

L'ex consigliere di Trump a Roma per dare forza al movimento che organizza i partiti sovranisti e mira a vincere le elezioni europee 2019

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Steve Bannon, ex consigliere di Donald Trump, ha fatto un'altra tappa sabato in Italia, terreno fertile per le sue idee ultraconservatrici. Vicino all'estrema destra americana, Bannon conduce da diversi mesi una campagna contro l'Unione Europea, che ha condotto in diverse capitali per dar vita ad un progetto sovranista.

"Il motivo per cui sono venuto qui oggi è per dirvi che tutto è indissolubilmente legato. La Brexit, Trump, le elezioni del marzo 2018 in Italia fanno parte di un tutto", ha detto Steve Bannon sabato sera a Roma, ospite d'onore alla festa annuale del piccolo partito "Fratelli d'Italia", due settimane dopo aver incontrato Matteo Salvini, capo della Lega e vicepremier italiano.

 

L'ambizione dell'ex stratega della campagna che ha portato Trump alla presidenza è di generare uno spostamento massiccio di voti sulle posizioni di estrema destra in tutto il vecchio continente e vincere le elezioni del Parlamento europeo 2019. Per questo ha fatto nuovamente tappa in Italia (dove era già intervenuto a un dibattito con il leder leghista e l'ex amministratore delegato del gruppo Corriere del Ticino Marcello Foa); la Penisola è considerata una delle tante teste di ponte per la sua fondazione, denominata "The Movement", destinata ad organizzare i vari gruppi di destra radicale e raccogliere consensi.

Durante il suo tour europeo, Steve Bannon ha stabilito contatti con i principali leader nazionalisti: Marine Le Pen in Francia, il protagonista di Brexit Nigel Farage nel Regno Unito, il primo ministro ungherese Viktor Orban e, appunto, Matteo Salvini in Italia.

"La prima cosa è il totale rifiuto di ciò che le élite hanno imposto alla civiltà occidentale. Ecco perché l'Italia è ora al centro dell'universo politico", ha detto.

"Con "Le Mouvement", e i miei partner in Belgio (dove si trova la sede centrale), costruiremo un gruppo e quando il Presidente Trump sconfiggerà il Partito Democratico alle elezioni (a metà novembre), passerò l'80% del mio tempo in Europa per le elezioni europee", ha annunciato. "E se pensate che posso aiutarvi a vincere, allora vi offro sondaggi, dati analitici... Creeremo centri di crisi, tutto il necessario per vincere le elezioni", ha detto.

Sabato sera, l'ex presidente del sito di informazione ultraconservatore Breitbart news, ha anche previsto una nuova crisi finanziaria. "Farà sembrare il 2008 come un picnic domenicale. Sarà una crisi del debito, una crisi monetaria", ha detto.

AFP/M. Ang.

Condividi